Se ogni scherzo “vale”, prepariamoci a tornare seri .

0
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

carnevale-di-venezia-maschere

Immaginate di agitare l’acqua di una bacinella o di un bicchiere. Dopo qualche minuto, in assenza di forze esterne, questa tornerà alla stasi. Che a Carnevale ogni scherzo valga è risaputo. Spray schiumosi, uova marce, inchiostro finto o la famigerata e olezzosa “puzzolina” sono il diletto di bimbi mascherati e gioiosi. Per qualche giorno, infatti, potranno violare il silenzio e l’ordine che usualmente (ne siamo certi?) osservano. Quale che sia l’etimologia del Carnevale, il suo significato intrinseco e antichissimo è proprio questo: il ritorno all’ordine, dopo alcuni giorni di licenza. Le radici della festa risalgono alle civiltà tradizionali, al culto di Iside, a quello di Dioniso, ai Saturnalia, per citare solo alcuni esempi in cui al Káos segue sempre il Kósmos. Simboleggia la rinascita ciclica del mondo, l’era post-diluviana. Per alcuni giorni, la carne prevale sullo spirito, il delirio sulla ratio e il male sul bene. Così, ci si può mascherare, nascondere la propria identità e agire in modo non conforme alle regole. Le maschere dagli occhi socchiusi, la fronte corrucciata e i nasi adunchi, ricordano fisionomie malefiche. Del resto, il latino persona ci spiega molto bene la traduzione del termine maschera: non siamo forse più veri quando la indossiamo? In forma apotropaica ci si traveste da cattivi, anche per imprimere drammaticamente il valore della legge e dell’ordine, in un turbine giocoso che si traduce, spesso inconsapevolmente in un rito catartico. Il Martedì grasso fa da chiosa al Carnevale e, allo stesso tempo è l’inizio della Quaresima, che dovrebbe rappresentare penitenza e digiuno per i Cattolici. E allora buon Martedì grasso, gioite, sfogatevi quanto e come potete! Semel in anno licet insanire! Ma da domani, tornate ad essere seri o, almeno, provateci.

Aggiungiti alla nostra pagina mobmagazine e riceverai aggiornamenti in tempo reale. Per aggiungerti clicca su "Mi piace" qui sotto
 
Articolo precedentePalermo Via Roma marciapiede impraticabile
Articolo successivoRapinano una farmacia di Palermo la Polizia di Stato li incastra.
Carmelo Antico
Nasce a Palermo, classe '75. Si laurea in Lettere Classiche alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo, elaborando una tesi in cartografia antica. Conseguito un Master di II livello in Sistemi Informativi Territoriali e un biennio di ricerca come esperto dei contenuti per Applicazioni Tecnologiche al Turismo Culturale, approda alla Fondazione Federico II di Palermo. Musicista per passione, ha coniugato l'interesse per l'antropologia, l'arte e la musica con la tecnologia e l'informatica, convinto che, in fondo, la distanza tra lettere numeri, tra "contare e raccontare", non sia poi così grande.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here