Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Un antico manoscritto di Giovanni Pico della Mirandola (1463 – 1494), filosofo, pensatore, cabbalista, matematico dalla memoria sovrannaturale (si diceva che riuscisse, dopo appena una lettura, a ripetere esattamente testi di lunga estensione), è il protagonista di questo romanzo storico di Carlo Martigli, pubblicato nel 2009. Il poeta Girolamo Benivieni fece incidere una epigrafe sulla tomba di Pico che presenta un enigma non ancora risolto. Quali erano i contenuti delle 99 tesi del pensatore che completavano le sue Conclusiones philosophicae, cabalisticae et theologicae? Come sarebbe mutata la storia dell’Occidente, se fosse stato pubblicato? L’ultimo custode del manoscitto, Guido De Mola, vive in periodo nazista e proprio i vertici del regime totalitario, in quell’aura esoterica che avvolge il loro delirio politico, si interessano al libro in questione. L’autore stende la sua narrazione su due linee cronologiche parallele; rinascimento ed età contemporanea, con il rispettivo contesto sociale, economico, religioso e politico, fanno da sfondo alle vite avventurose dei personaggi, irreversibilmente legati da interessi, amicizia, amore e pregiudizio. L’Ultimo Custode 999 è un libro da leggere tutto d’un fiato, in un continuo susseguirsi di colpi di scena; un romanzo prismatico che non si limita a dilettare il lettore, ma che rapisce il suo interesse fino a spingerlo all’approfondimento.


Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
Articolo precedenteTenta di dar fuoco al portone di una chiesa, scagliandosi contro gli Agenti intervenuti
Articolo successivoLa curcuma
Carmelo Antico
Nasce a Palermo, classe '75. Si laurea in Lettere Classiche alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo, elaborando una tesi in cartografia antica. Conseguito un Master di II livello in Sistemi Informativi Territoriali e un biennio di ricerca come esperto dei contenuti per Applicazioni Tecnologiche al Turismo Culturale, approda alla Fondazione Federico II di Palermo. Musicista per passione, ha coniugato l'interesse per l'antropologia, l'arte e la musica con la tecnologia e l'informatica, convinto che, in fondo, la distanza tra lettere numeri, tra "contare e raccontare", non sia poi così grande.

LASCIA UN COMMENTO