Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UN PARCHEGGIATORE ABUSIVO, CAPACE DI AGGREDIRE UNA DONNA CHE GLI AVEVA NEGATO IL DENARO IN CAMBIO DEL PARCHEGGIO.

La Polizia di Stato è intervenuta, ieri pomeriggio, in corso dei Mille, in soccorso di una impiegata della zona, ingiuriata ed aggredita da un cittadino extracomunitario, autoaccreditatosi come “guardiano” del parcheggio di zona.
Personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha tratto in arresto BOAHM Joseph Kofi, 46enne ghanese, responsabile del reato di tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale.
L’ennesimo, violento tenattivo di un parcheggiatore abusivo di trasformare un diritto acquisito in un servizio a pagamento è andato in scena, ieri pomeriggio, alle 16:00, in corso dei Mille: una cittadina palermitana, impiegata presso un ufficio della zona, a conclusione della sua giornata lavorativa, stava salendo a bordo della sua vettura, lasciata parcheggiata, sin dalle prime ore della mattina, in una zona ove il parcheggio era, apparentemente, consentito; non sapeva l’ignara cittadina che anche quello spazio di apparente libertà era stato arbitrariamente “requisito” da un cittadino ghanese.
L’uomo ha reclamato dalla donna il pagamento di una cifra, non certo simbolica ed irrilevante, anche in ragione della lunga pemanenza della vettura nello spazio consentito; è andato su tutte le furie allo sdegnato rifiuto della cittadina di concedere alcunché, l’ha pesantemente ingiuriata, l’ha minacciata di sicure ritorsioni fino a colpire ripetutamente la carrozzeria della vettura all’interno della quale la vittima si era barricata.
Provvidenziale è stato il passaggio di una volante di Polizia che ha notato l’aggressione.
Boahm, nel frattempo datosi alla fuga, è stato raggiunto e, con non poche difficoltà, a causa della resistenza opposta, è stato ammanettato e condotto in Questura.
L’uomo è stato tratto in arresto ed il provvedimento è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here