Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO RITROVA, NEL GIRO DI POCHE ORE, UNA VETTURA RUBATA E “MESSA AL SICURO” IN UN’OFFICINA DELLA “KALSA”

Ieri, sono trascorse poche ore dalla presentazione della denuncia del patito furto di un’autovettura da parte del proprietario al ritrovamento del mezzo da parte della sezione “Investigativa” del Commissariato di P.S. “Politeama”. Per la ricettazione di quella vettura, la Polizia di Stato ha denunciato un palermitano, 55enne, titolare di un’officina meccanica del quartiere della “Kalsa”.
Ci sono dei beni il cui valore va ben oltre quello fissato dai listini delle cose materiali; è il “mercato degli affetti” che li cataloga per sentimento ed attaccamento e, talvolta, li rende inestimabili: è il caso della vettura di una cittadina palermitana, 40enne. La donna ha trascorso più di metà della sua vita insieme a quell’auto, non vecchia ma antica, l’ha utilizzata come si usa un’utilitaria ma non ha mai pensato di cambiarla perché le è stata regalata dal padre che non c’è più.
Ieri, la cittadina palermitana, a distanze di qualche ora, ha varcato due volte la soglia del Commissariato di P.S. “Politeama”: la prima volta, in lacrime, intorno a mezzogiorno, per denunciare ai poliziotti il furto della fiat 500, avvenuto in via Pirandello; la seconda volta, con il sorriso stampato in volto, per averla avuta formalmente restituita dai poliziotti che l’avevano ritrovata alla “Kalsa”.
Quando i poliziotti del Commissariato hanno appreso del furto d’auto, in considerazione del modello e delle ottime condizioni della vettura, hanno ritenuto di rivolgere le loro attenzioni al settore delle officine meccaniche.
Gli agenti hanno, quindi, consultato una mappa delle officine, ritenute in grado di compiere operazioni di “maquillage” di vetture rubate. Dopo pochi tentativi andati a vuoto, si è fatto centro alla “Kalsa”: coperta dalle foglie di un albero, in uno spiazzo pertinente all’area di un’officina meccanica, molto attiva nel popoloso quartiere, i poliziotti hanno distinto il vivace rosso dell’auto rubata. Il titolare dell’officina che ha negato ogni addebito, sia prima che dopo il ritrovamento, è stato denunciato per il reato di ricettazione, mentre la vettura, ancora in perfette condizioni è stata riconsegnata alla legittima proprietari che ha ringraziato la Polizia di Stato per l’efficace e tempestivo intervento.
Indagini sono in corso per verificare se l’officina ove è stata ritrovata la vettura sia coinvolta in altri furti .

Aggiungiti alla nostra pagina mobmagazine e riceverai aggiornmenti in tempo reale. Per aggiungerti  metti mi piace nella nostra pagina qui sotto
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here