Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UN PREGIUDICATO PER FURTO DI ENERGIA ELETTRICA E SEQUESTRA MERCE RUBATA PER UN VALORE DI 20.000,00 EURO

La Polizia di Stato, ha arrestato per furto di energia elettrica Giuseppe Di Cara 42enne, pluripregiudicato palermitano, denunciandolo inoltre per ricettazione.
Ieri sera, agenti della Squadra Mobile, diretta dal Dott. Rodolfo RUPERTI, nell’ ambito di attività investigative svolte dalla “Sezione Falchi”, hanno individuato circa 200 colli contenenti varie tipologie di merce, tra cui vini, abbigliamento ed articoli casalinghi, sottratti lo scorso 15 aprile dal magazzino di una ditta palermitana.
I poliziotti, nei giorni successivi al furto, hanno accertato che numerosi oggetti, riconducibili alla merce rubata, venivano “regolarmente” recapitati ai legittimi destinatari che, ignari dell’accaduto, pagavano in contrassegno le somme dovute.
Gli agenti, al culmine dell’attività di indagine, hanno sorpreso due soggetti intenti a scaricare la merce non ancora consegnata in un magazzino adibito a deposito in Viale Regione Siciliana.
I malviventi, vistisi scoperti, si sono divisi fuggendo lungo le strade che costeggiano il viale della Regione Siciliana, dando vita ad un inseguimento con i poliziotti che nonostante tutto, sono riusciti a bloccare uno dei due, mentre l’altro è riuscito a far perdere le proprie tracce.
L’uomo è stato accompagnato presso gli Uffici della Questura per gli accertamenti di rito e contestualmente altri equipaggi si sono recati presso la sua abitazione, sita nel quartiere Zen, per effettuare ulteriori controlli.
Proprio durante questo sopralluogo, gli agenti hanno verificato che l’appartamento era allacciato abusivamente alla rete elettrica. In virtù di ciò, l’uomo è stato arrestato in attesa di giudizio con rito della “direttissima”.
La merce sequestrata dai poliziotti, stimata per un valore di circa 20.000 € è stata riconsegnata al legittimo proprietario.
Sono tutt’ora in corso indagini per risalire ai complici della banda che, nei giorni scorsi, ha provveduto ad effettuare le fraudolente consegne nel centro cittadino ed in provincia.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here