Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

“La risposta al territorio deve arrivare con i fatti e non con le parole. Dopo le ore drammatiche vissute in molte parti ella Sicilia qualche giorno a il Governo regionale deve affrontare una volta per tutte l’organizzazione del settore forestale in Sicilia”.

Questo è quanto dichiara il Segretario regionale dei Forestali dell’ Ugl, Franco Arena.
“A Palermo la situazione è drammatica  – spiega Arena – quasi tutti i comuni sono stati interessati da incendi di vaste proporzioni. Palermo, Villabate, Ficarazzi, Casteldaccia, Altavilla Milicia al villaggio Torre Normanna, Trabia a San Nicola, Termini Imerese,  Lascari, Cefalù e Collesano.
In provincia di Agrigento i danni si sono registrati nel comune di Burgio.
In provincia di Caltanissetta c’è carenza di mezzi ed il servizio antincendio e  partito a singhiozzo.
In provincia di Ragusa il servizio antincendio ancora deve partire E intanto si registrano incendi nelle zone di Licodia  alla diga ed al monte Casasia”.
“Il paradosso  –  aggiunge – è che i lavoratori non possono lavorare perché mancano i DPI, manca il corso di base e gli ispettori addetti alla formazione sono impegnati da soli allo spegnimento.
Anche in provincia di Messina il servizio antincendio ancora deve partire”.
“Un quadro desolante  – conclude- che da il senso di quanto ancora c’è da fare in ordine alla programmazione del settore che deve partire dalle attività di prevenzione antincendio, fatta per tempo, e dal servizio antincendio avviato in maniera compiuta e con la disponibilità di uomini, mezzi e strumenti.  Con le parole non si spengono gli incendi”.

 


Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

LASCIA UN COMMENTO