Home Sicurezza Rimini, poliziotto picchiato in spiaggia da extracomunitario

Rimini, poliziotto picchiato in spiaggia da extracomunitario

Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

E’ corso in aiuto, prima di un amico che era stato appena derubato, poi di un gruppo di ragazze, a loro volta ‘alleggerite’ in spiaggia di borsette e cellulari. Ma l’intervento dell’agente, fuori servizio, della Polizia stradale di Riccione, Antonello Spoletini, 44 anni, non è piaciuto ad un gruppo di immigrati di colore: uno di loro lo ha colpito con uncazzotto in volto, spedendolo in ospedale e procurandogli diverse contusioni e quattro punti di sutura in testa. Il tutto per una prognosi iniziale di dieci giorni e tanto di collare per il rachide cervicale.

La vicenda ha avuto inizio intorno alle 5 dell’altra notte, a Marina centro, zona bagni 4-5.

«Avevo trascorso la serata con un paio di amici – racconta lo stesso poliziotto – e stavo ascoltando musica in un locale quando mi è arrivata la telefonata da uno di questi miei amici: ‘Sono in spiaggia, mi hanno appena derubato di tutto, vieni’. Non ci ho pensato due volte e sono corso in suo aiuto». Insieme i due uomini si sono messi a rincorrere il ladro, un ragazzo di colore, fino a piazzale Fellini, ma nonostante la loro buona volontà, il malvivente è riuscito a fuggire.

«Stavamo ritornando indietro, il mio amico ed io, quando la mia attenzione è stata attirata da un gruppetto di ragazze e di giovani di colore che stavano parlando animatamente, sempre sulla spiaggia – continua nel racconto l’agente –. Una delle giovani era furibonda ed accusava uno di quei ragazzi, tutti extracomunitari, di averle sottratto la borsetta, un’altra, invece, inveiva perché le avevano scippato l’iPhone. Dopo aver ascoltato queste parole, mi sono subito qualificato: ‘Sono un agente di Polizia, che cosa sta accadendo?’, ho esclamato. All’improvviso uno di questi ragazzi, il più agitato, dopo aver litigato con il mio amico, mi ha sferrato un cazzotto in faccia e sono finito a terra mentre il gruppetto di africani fuggiva».

L’agente è stato poi subito accompagnato in ospedale dove i medici gli hanno suturato il capo con alcuni punti. Ne avrà per almeno dieci giorni. Il suo aggressore, un senegalese, è stato poi fermato e denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. «Ormai la nostra spiaggia di notte è diventata invivibile –conclude il poliziotto –. Adesso la zona di Marina centro è in mano a gruppi di extracomunitari di colore che prendono di mira tutti quelli che si avventurano sulla battigia dopo una certa ora. Una volta questi furti e rapine accadevano al Marano, adesso la piaga è estesa soprattutto qui a Rimini, a Marina centro». E gli africani, tutti giovanissimi e tutti rigorosamente vestiti di nero per mimetizzarsi meglio nella notte, colpiscono velocemente, portando via borsette, portafogli e cellulari.

 Articolo tratto da Il resto del Carlino che puoi leggere qui.
nella foto: Antonello Spoletini, il poliziotto ferito in spiaggia (Foto Migliorini)

Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
Articolo precedente24 anni fa il Giudice Paolo Borsellino e gli Angeli della sua Scorta
Articolo successivoCinema: a Palermo presentazione del film “The Trainer L’addestratore”
Igor Gelarda
Igor Gelarda è nato a Palermo nel 1974. Laureato in Lettere Moderne, ha svolto un dottorato di ricerca in Storia del Mediterraneo antico presso l’Università di Palermo. Sposato, fa il poliziotto, ed è dirigente nazionale del sindacato di Polizia Consap per il quale svolge corsi di aggiornamento e formazione per i quadri sindacali. Ha svolto numerose collaborazioni con università italiane e straniere per quella che è la passione della sua vita, la storia! Autore di saggi e articoli che hanno come oggetto il tardoantico, ossia il periodo storico che va dalla caduta dell’Impero Romano all’incoronazione di Carlo Magno, si è occupato anche delle prime comunità cristiane e dei Vandali ( quelli veri e non degli stupidi moderni autori di distruzioni senza senso) di Genserico, la popolazione barbarica che tenne in scacco l’Impero Roma per quasi un secolo! Impegnato ad organizzare nella sua città attività ludico-storiche per bambini con disagi di vario tipo, è autore di guide turistiche e altri scritti su Palermo e la Sicilia occidentale. Una di queste guide è stata interamente pensata per le persone diversamente abili, ed ha quindi come argomento il turismo accessibile. Parte della sue pubblicazioni sono reperibili qui: http://unipa.academia.edu/IgorGelarda. Per contattarlo consapsicilia@gmail.com

LASCIA UN COMMENTO