Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Disgraziatamente una delle ragioni per cui la Sicilia è famosa nel mondo è la mafia. Problema sociologico e culturale che prima riguardava solo il sud, oggi l’Italia intera. Il tribunale di Palermo ha condannato tre cittadini nigeriani dediti al crimine all’interno del mercato di Ballarò, a Palermo. Tre condanne pesanti per tentato omicidio, rapina, lesioni, spaccio di droga ed estorsione: 12 anni e 4 mesi anni ad Austine Johnbull, considerato il capo della banda, 10 anni e 8 mesi a Vitanus Emetuwa, 10 anni e 6 mesi a Nosa Inofogha. I reati per cui sono arrivate le condanne sono stati commessi, secondo i giudici, con l’aggravante dell’associazione mafiosa. Mafia nigeriana che si muoveva nel popolare rione di Ballarò, anche se in qualche modo dipendente alla mafia locale. I boss africani avrebbero portato nel capoluogo siciliano le regole dell’organizzazione Black Axe, l’ascia nera, nata negli anni ’70 in Nigeria. All’inizio era nata come una confraternita religiosa all’interno dell’Università di Benin City, poi divenne una banda criminale con regole ferree, riti di affiliazione e molto violenta..

Le indagini sono cominciate già alcuni mesi fa, dopo uan violenta aggressione ad altri nigeriani che furono pure sfregiati. Grazie alla Squadra Mobile di Palermo si è arrivati ad una conclusione. Conclusione che però, secondo il Dirigente della Consap Igor Gelarda, è anche un punto di inizio. “l’innesto delle mafie straniere in Italia è una bomba ad orologeria. Ma nelle zone dove storicamente la mafia è forte questo innesto può diventare ancora più pericoloso. I “picciotti” nigeriani, infatti, oltre a gestire in maniera molto violenta i loro affari, hanno accordi con la mafia locale. Era stato già affermato da alcuni boss che i Nigeriani sono rispettosi e “immagazzinano”, cioè nascondono droga in un quartiere che è, di fatto, come se fosse una città autonoma. E il problema sta proprio nel fatto che per sopperire alla carenza di manovalanza, falcidiata dagli arresti e dalle condanne, la mafia ha trovato qui un nuovo terreno fertile dove “investire” per il suo futuro.

Il centro storico di Palermo, con in testa Ballarò, proprio grazie a questa intercultura della delinquenza è una polveriera, che potrebbe anche non scoppiare in maniera fragorosa. Ma espandersi ed estendere i suoi interessi per la città, cambiandone la mappa criminale. La polizia fa quello che può, anche se, data una situazione del genere ci si sarebbe aspettato un rafforzamento del presidi di polizia che controllano il territorio, cioè il Commissariato Oreto Stazione, che però è stato invece declassato a commissariato di serie B, proprio dal Ministero. Tuttavia qui bisogna capire che si tratta di un problema sociologico e culturale, e non solo un problema di polizia, un problema che deve essere affrontato e risolto da tutte le istituzioni unite, perché la città rischia di diventare terra di nessuno. Lo Stato deve tornare in queste zone di Palermo e non solo con le fiaccolate dell’amicizia e dell’intercultura. Ma con interventi seri per riaccaparrarsi, positivamente, queste zone.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here