Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

“Dichiarare lo stato di crisi della filiera della pesca del bacino peschereccio d’altura di Mazara del Vallo e costituire un tavolo nazionale presso ministero competente per mettere in sicurezza gli operatori del settore”.
Così Giuseppe Messina, Responsabile regionale dell’ Ugl Sicilia, a margine del convegno di presentazione del Feamp dal titolo: “Le opportunità offerte dal Feamp per lo sviluppo della marineria di Mazara del Vallo” che si è svolto questa mattina presso la sede IAMC-CNR”.
“Per immaginare una nuova strategia di rilancio della pesca d’altura al gambero di profondità – aggiunge – serve prima mettere in sicurezza il comparto attraverso strumenti emergenziali di natura normativa e finanziaria”.
“La sostenibilità ambientale per garantire la produttività nel futuro passa da quella economica e sociale – sostiene Messina –
“Come Ugl riteniamo che per riscrivere le regole di una strategia di rilancio della pesca d’altura Mazarese e renderla competitiva rispetto alla concorrenza sulle acque internazionali nel Mediterraneo delle flotte, maltese, turca, egiziana, tunisina, algerina e marocchina, occorre passare dal rispetto del pescatore e delle imprese ittiche, garantendo loro la possibilità di utilizzare gli strumenti normativi e le risorse straordinarie che la dichiarazione di crisi del settore può liberare”.

Aggiungiti alla nostra pagina mobmagazine e riceverai aggiornmenti in tempo reale. Per aggiungerti  metti mi piace nella nostra pagina qui sotto
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here