Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

 

2Sabato  6 agosto  l’Enas Ugl, è stata presente  anche in  piazza Duomo a Terrasini, in occasione della campagna di mobilitazione nazionale  “Causa del decesso: lasciata sola” #maipiusola, che si è svolta in contemporanea in 100 piazze d’Italia per dire no al  femminicidio.

Affollato il gazebo dove il direttore provinciale dell’Enas di Palermo, Claudia Di Paola, l’operatore del patronato, Francesca Tantillo, hanno fornito informazioni e distribuito il materiale informativo. Presenti alla giornata di mobilitazione Giuseppe Messina Responsabile regionale Ugl Sicilia e Reggente Utl Palermo, Maurizio Caliva’, Segretario regionale Ugl Funzione pubblica, Gaetano Cassibba, Coordinatore regionale Enti vigilato assessorato regionale dell’Agricoltura, Fabrizio Geraci, Responsabile provinciale Ugl Sicurezza civile, Giovan Battista Fricano, Segretario provinciale Ugl Agricoli, Forestali e Pesca, Marcello Ficile, Segretario provinciale Ugl FNA, Riccardo Catalinotto, Coordinatore Rsu, Almaviva Contact Palermo della FederaIone Telecomunicazioni Palermo, Ferranti Giuseppe, Esa Leonardo Finmeccanica di Palermo della Federazione provinciale Metalmeccanici, Ninni Provenzano, dirigente provinciale Ugl Scuola di Palermo, Dario Calcara, Rsa presso Assessorato regionale del Territorio e dell’ambiente della Federazione Autonomie locali di Palermo. Hanno partecipato all’iniziativa dell’Enas/Ugl  Sabrina Figuccia, Coordinatore regionale Donne di Forza Italia, Garamella Carla, Assessore al Turismo, sport e spettacolo del Comune di Terrasini ed il consigliere dell’Area Metropolitana di Palermo, Angelo Figuccia. Presenti al gazebo Enas/Ugl anche Sommacampagna Damiano, Segretario regionale Ugl Chimici della Regione Veneto e Roberta Pellizzari, Responsabile Caf Ugl di Vigonza in provincia di Padova.

Aggiungiti alla nostra pagina mobmagazine e riceverai aggiornamenti in tempo reale. Per aggiungerti clicca su "Mi piace" qui sotto
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here