Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

La Polizia di Stato, segnatamente personale del Commissariato di P.S. “Mondello”, ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare domiciliare nei confronti di un 61enne palermitano, pluripregiudicato, responsabile del reato di stalking nei confronti dell’ex compagna.
L’uomo, già da qualche mese, dalla data cioè della conclusione della relazione sentimentale con la sua compagna, se ne era fatto stalker, manifestando in modo ossessivo e compulsivo tutto il suo sdegno e la sua riprovazione per una decisione non condivisa e ritenuta “unilaterale”.
La pressione dell’uomo si è fatta, via via, incalzante ed insostenibile per la vittima, costretta a mutare umori, abitudini, recapiti telefonici e compagnie.
A rendere ancor più difficile il ménage quotidiano della donna anche la circostanza che vittima e stalker fossero impiegati per la stessa ditta, cosicchè anche il luogo di lavoro era divenuto teatro di scenate e quindi fonte di apprensione e turbamenti per la donna.
Più grave, ancora, che l’uomo avesse indirizzato la sua frustrazione anche sul figlio disabile e minorenne della donna, avuto da una precedente relazione: il ragazzo sarebbe stato destinatario di soprusi e prepotenze inscenati con una condotta vile e volta, in realtà, ad intimidire la madre.
A conclusione di un ennesima, indebita intrusione nel domicilio della ex compagna, circostanza questa che ha richiesto l’intervento della Polizia di Stato, l’Autorità Giudiziaria ha ritenuto che la misura fosse colma ed ha disposto la sottoposizione dell’uomo al regime custodiale degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.
La misura è stata eseguita dai poliziotti del Commissariato di P.S. “Mondello”.


Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

LASCIA UN COMMENTO