Palermo, bimbo in fuga, giunge da solo e in treno, alla ricerca del padre mai incontrato prima

Nove anni ancora da compiere ma tanta determinazione nell’intraprendere il suo viaggio da Termini Imerese a Palermo, alla ricerca del papà che non ha mai conosciuto. E’ questa la storia che, qualche giorno fa, ha visto protagonista un bambino di Termini Imerese che, dopo essere uscito da scuola, invece di tornare a casa, ha deciso di andare, tutto solo, in treno a Palermo per dare un volto a quella voce più volte ascoltata telefonicamente ed identificata come quella del papà, un papà che però non aveva mai incontrato.
Il bambino è riuscito a raggiungere la stazione di “Palermo Centrale” ma qui, una volta sceso dal treno, si è visto sperduto in un ambiente sconosciuto e caotico, ambiente in cui non sarebbe stato facile trovare il padre.
Impaurito e piangente, è stato così notato da una pattuglia della Polizia Ferroviaria di “Palermo Centrale, in servizio di controllo per la prevenzione e repressione dei reati all’interno dello scalo ferroviario.
Alla vista della Polizia il bambino si è chiuso in se stesso, rifiutando di fornire qualsiasi informazione su di se’ e sulla sua presenza in stazione, perché, come poi avrebbe spiegato, in quel momento ha avuto la certezza che il suo sogno si sarebbe infranto lì.
Gli operatori della “polfer”, utilizzando un approccio molto delicato e rispettoso, hanno conquistato gradualmente la fiducia del bambino, coinvolgendolo in giochi, facendolo disegnare, colorare e rifocillandolo, riuscendo così ad ottenere un minimo di informazioni che hanno indirizzato gli investigatori per la ricerca della famiglia del piccolo.
La madre del bimbo, rintracciata solo in serata, ha dichiarato di non essere a conoscenza delle intenzioni del figlio ma che, non vedendolo rientrare, si sarebbe attivata per cercarlo a Termini Imerese nei luoghi che abitualmente frequentava senza però rivolgersi alle Forze dell’Ordine.
Gli agenti della Polizia Ferroviaria, dopo avere esortato la madre a prestare una maggiore vigilanza nei confronti del figlio, vista anche la tenera età, le ha riaffidato il bambino.
Il rintraccio delle “persone scomparse”, molte delle quali sono minorenni, è una delle tante attività che vede impegnata quotidianamente la Polfer.
Dall’inizio dell’anno ad oggi, la Polizia Ferroviaria della Sicilia ha rintracciato 60 minori, stranieri ed italiani che, a vario tiolo, avevano fatto perdere le proprie tracce.

LASCIA UN COMMENTO