Palermo, i “falchi” della Squadra Mobile arrestano un 58enne per tentata rapina.

La Polizia di Stato ha tratto in arresto D.C. G., 58enne palermitano, colto in flagranza del reato di tentata rapina.

Continua incessante l’attività di prevenzione e repressione dei reati predatori ad opera della Polizia di Stato; questa volta ad entrare in azione sono stati i “falchi” della sezione ‘Contrasto al Crimine Diffuso’ della Squadra Mobile di Palermo, diretta da Rodolfo Ruperti.
Una pattuglia motomontata, durante il regolare servizio di controllo del territorio, transitando per via Maqueda, è stata avvicinata da una donna, la quale ha riferito che in un vicino esercizio commerciale vi era un uomo che minacciava i dipendenti di far uso di una pistola.
I poliziotti, individuato il market nella vicina via Trabia, hanno notato un gruppo di persone discutere animatamente in prossimità della cassa ed hanno deciso di effettuare un controllo, procedendo alla loro identificazione.
Gli agenti hanno appreso da un dipendente che, l’uomo con cui stava discutendo animatamente, tale D.C.G., poco prima era stato notato prelevare una bottiglia di liquore da uno scaffale per poi cercare di uscire dal negozio senza pagarla: con mossa fulminea aveva spostato la prima bottiglia di liquore presente sullo scaffale, con l’altra mano si impossessava della seconda bottiglia della stessa marca di liquore e contestualmente rimetteva a posto quella inizialmente prelevata, al fine di non far notare la mancanza della bottiglia stessa., ma questo stratagemma a poco sarebbe servito. D.C.G. è stato, infatti, bloccato nei pressi dell’uscita e dopo un alterco piuttosto animato, ormai scoperto, avrebbe intimidito ripetutamente il dipendente, minacciandolo di tornare sul posto con una pistola se avesse fatto denuncia dell’accaduto.
Alla luce di quanto appreso, i poliziotti hanno proceduto alla perquisizione personale di D.C.G., rinvenendo addosso allo stesso, legato alla cintola, un maglione di colore nero ancora provvisto dell’etichetta di vendita di un noto marchio commerciale.
L’uomo, incalzato dalle domande degli agenti, avrebbe riferito di avere perpetrato, prima di recarsi presso il market, un ulteriore furto presso un negozio di via Ruggero Settimo. La circostanza è stata verificata positivamente dagli investigatori che hanno restituito l’indumento al gestore dell’esercizio commerciale.
D.C.G. 58enne palermitano, condotto presso gli Uffici della Squadra Mobile è stato arrestato, nella flagranza del reato di tentata rapina impropria, per aver minacciato il dipendente allo scopo di assicurarsi l’impunità dopo aver commesso il furto del liquore; contestualmente è stato indagato in stato di libertà per il furto del maglione.
L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.

LASCIA UN COMMENTO