Scontri a Palermo con le forze dell’ordine. Les Polizia di Stato, i giudizi sommari dei social travisano i fatti reali

La Segreteria Provinciale LeS di Palermo sente, ancora una volta, il dovere di esprimere massima solidarietà ai colleghi impegnati sabato 22 ottobre  in attività di ordine pubblico in occasione della visita in città del Presidente del Consiglio Matteo Renzi.
Da qualche tempo, gli operatori di Polizia sono oggetto di contestazioni riguardanti il loro operato e vittime di “giudizi sommari” che hanno come tribunale i social network , all’interno dei quali circolano video “postati” dai mass media con l’intento di esporre alla gogna mediatica gli operatori di Polizia.
Il tutto viene condito da commenti su presunti atti violenti a difesa di rappresentanti di governo che lasciano presupporre la strenua e cieca difesa di questi ultimi da parte della Polizia di Stato.
Giova ricordare che la Polizia di Stato è chiamata a difendere tutti i cittadini ed i rappresentanti dello Stato. Non assume nessuna valenza quindi, se essi siano identificati di “sinistra” di “centro” o di “destra”.
Il fondamentale ruolo informativo che rivestono i mass media nell’epoca dei social network, responsabilizza ancor di più il loro lavoro.
Siamo convinti che la demonizzazione delle Forze dell’Ordine non porti nessun beneficio ai cittadini e che anzi, la forzata ricerca della notizia rischi di indebolire lo Stato, instaurando nei cittadini l’idea di una Polizia a servizio dei “poteri forti” a discapito dell’intera popolazione.
LeS Polizia di Stato Palermo pertanto invita tutti alla massima correttezza delle informazioni.

LASCIA UN COMMENTO