Il sabato sera, al Caffè del Teatro Massimo, è di scena il jazz manouche di Frequenze Retrò

Un quartetto acustico che affonda le sue radici nel jazz manouche, sorprendendo per le nuove soluzioni adottate grazie all’introduzione della voce al posto del violino, in un genere, appunto il  Manouche, che nasce all’inizio del XX sec. esclusivamente strumentale.

È FREQUENZE RETRO’, band che sabato 19 novembre sarà al Caffè del Teatro Massimo per offrire una serata piena di ritmo e di sound, tanto attesa quanto il suo cd, in uscita entro la fine dell’anno. A fare parte del gruppo sono: Valeria Graziani (voce), Salvatore Agate (chitarra petite bouche), Maurizio Crivello (chitarra grande bouche) e Luca De Lorenzo (contrabbasso).

Aperitivo servito al tavolo dalle 20 e, a seguire, concerto (inizio alle 21.30 circa). Per info: 348.7018331, 091.6196404 – caffe@teatromassimo.it.

LASCIA UN COMMENTO