Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Natale si avvicina; è indubbiamente una festa a carattere religioso, ma ormai in più parti del mondo la sentiamo tutti comunque, al di là di una decisa connotazione consumistica, un’opportunità di condivisione, incontro e dono di sé.

Ciò che sembra non potere accadere nel resto dell’anno, desideriamo che accada e talvolta ne accompagniamo il concretizzarsi a Natale.
Credenti e non ci sentiamo richiamati a evocare il “bimbo” che nasce e ri-nasce: il nostro.
In molte culture anche distanti tra loro, nel tempo e nello spazio, il periodo in cui ricade il Natale, che ha origini pagane, ricordando il giorno della nascita del dio sole, è stato ed è indicato quale principio di tutto, momento nel quale ricade il solstizio d’inverno, ed in questo la notte più lunga ed il giorno più corto. Questo tempo-tempo sembra configurarsi simbolicamente quale passaggio verso altro da sè, verso la speranza, il nuovo, il non compiuto ancora, le risorse non ancora esplorate.

A partire da fine dicembre, le giornate si allungano ed il tempo che il sole è presente nelle nostre giornate si fa più lungo e caldo. Il sole rappresenta la vita; ci si prepara alla stagione della rinascita: la Primavera. Insomma ragioni profonde, direi quasi archetipiche e collettive, che azzerano cronologie e mappamondi, ci rimandano a temi di contemporanee e sempre forti risonanze, che echeggiano in modo profondo ed intenso, legati alla disponibilità al cambiamento, al vitalizzare spazi di rinascita, alla possibilità di condivisione dello spazio interno del sé con la nostra storia e radici, quale base dalla quale partire per il lungo viaggio che la propria vita ci richiede.

Accade pertanto che nonostante, anzi direi meglio proprio a fare sfondo a stimoli dissonanti e stridenti che i media ed un’idea infantile interna idealizzata ci rimandano del Natale, spesso in questo periodo così pieno di suggestioni antropologiche e convenzionali, ad un certo punto facciamo i conti con ciò che siamo, ciò che resta, ciò che non c’è e non c’è più, ma anche con ciò che vorremmo essere e sentire. Il bilancio consuntivo e preventivo, spesso preclude un rilancio propulsivo e ci si ritrova a fare i conti con spazi di sé ancora tremanti e pieni di solitudine.

Nella mia attività professionale, più che ventennale, registro un aumento sensibile di pazienti che chiedono aiuto in questo periodo dell’anno e che si trovano a fare i conti con tematiche ridondanti e spesso non ancora elaborate e “sanate”. Il senso di vuoto e solitudine sembrano essere i commensali attesi alla propria tavola. Ciò che sfavilla e suona a festa arriva come una distorsione percettiva dentro la propria esperienza emotiva, che fa affiorare altri suoni, altri silenzi, altre ombre, che ancora forse non si è imparato ad incontrare ed abbracciare.
Questo periodo può essere una strada, una luce dentro, fioca ma presente, di attesa, mesta ma fiduciosa ed attenta, verso quelle parti di sé bambine e non, che hanno da dire e da dare, che vogliono essere abbracciate e poi lasciate andare, che vanno incontro a parti nuove fiere e luminose, fragili ma intonate, proprio perché quella canzone inedita, tra musiche e parole, la stai scrivendo TU.

Nel ringraziarvi per l’attenzione che avete offerto nella lettura di questo contributo, vi invito a scrivermi nel form predisposto, nel quale sarò lieta di rispondervi, vi auguro Buon Natale e Buona Nuova Luce.

Vi saluto con alcune righe che scrissi qualche anno fa proprio sul Natale ed i temi oggi affrontati.
Non ha le pretese di una poesia, io le chiamo emozioni in rima. Ancora auguri e grazie.

Gisa Maniscalco Psicologa e Psicoterapeuta

Ombra e luce… a Natale
Nella corsa che ti chiama

Tra le luci tu ti accosti

In ricerca d’abbracci

Donàti a tutti i costi

A fermarti io ti invito

A cercare chi è partito

E’ il Natale che ti acclama

La sua veste..

E i suoi stracci

Perché dentro tu ti scruti

Ciò che di giorno tu rifiuti

E l’ombra che traspare

In un pensiero che conduce

Verso ciò che oggi non c’è

Verso gesti non compiuti

Per chi nella tua vita più non è

In un luogo assai lontano

Dove stringevi la sua mano

In un tempo pur vicino

Se però aspetti… un pochino

Pensi allora a quand’eri

Un bambino di ieri

Dove tutto sembrava vero

In una foto in bianco e nero

Ora infine a questa mia

Una preghiera voglio svelare

E che questa infine …sia

Non più luci, ma colore

La forza di quell’ombra

Che esce dal dolore

Ora è giunta la sua ora

Per narrare la sua storia

Per gridare a chi non c’è

Che il passato esiste ancora

Che l’amore non si sbaglia

Anche se dorme sulla paglia

Per lasciarsi così sfiorare

Da una pace riparare

In un presente che oggi è gloria

Parla con me in privato...



Aggiungiti alla nostra pagina mobmagazine e riceverai aggiornmenti in tempo reale. Per aggiungerti  metti mi piace nella nostra pagina qui sotto
 

2 COMMENTI

  1. Articolo che emoziona nel profondo. Richiama immagini, simboli, ricordi e costruzioni dell’esperienza collettiva e personale. Ciò che leggiamo fuori da noi è già scritto dentro di noi. In questo periodo di risonanze collettive ed affettive possiamo avvertire quanto la vita rappresenti la costruzione e la trasformazione del tutto.
    È un appuntamento con sé stessi, è un appuntamento con l’altro da noi!
    Grazie Gisa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here