Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
    1
    Share

La Polizia di Stato ha tratto in arresto P.S., 49enne incensurato palermitano resosi responsabile del reato di porto abusivo di armi comuni da sparo in luogo pubblico.

Determinante ai fini dell’arresto è stato l’intuito e l’esperienza professionale dei poliziotti del Commissariato di P.S. ‘San Lorenzo’ che, durante il normale servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in genere, si sono imbattuti in un uomo che, con fare sospetto, sostava sulla pubblica via del quartiere marinaro “Sferracavallo”.

Nella fattispecie, ad attirare l’attenzione degli agenti, sono stati gli atteggiamenti tesi, a tratti inopinatamente nervosi, dell’individuo, tanto da decidere di sottoporlo ad un controllo di polizia.

L’uomo alla vista della volante, ha tentato di sfuggire al controllo montando sull’autovettura, ma è stato prontamente bloccato ed identificato per P.S., 49enne palermitano.

Durante le fasi dell’accertamento, gli agenti hanno notato un ulteriore irrigidimento dell’uomo, che tra l’altro era in visibile stato di ebbrezza alcolica, ed hanno pertanto deciso di sottoporlo a perquisizione personale.

I poliziotti, durante tale fase, hanno rinvenuto, all’interno di una tasca della giacca dell’uomo, una pistola 357 magnum carica di 5 cartucce, pertanto hanno deciso di estendere la perquisizione anche al suo veicolo.

Anche in questo caso l’esito è stato positivo, infatti all’interno dell’automobile del 49enne è stata rinvenuta  un’altra pistola 357 magnum 6 pollici carica ed  11proiettili.

Nella sua abitazione invece sono state rinvenuti n. 80 proiettili 357.

 

Alla luce di quanto emerso, P.S. è stato arrestato per il reato di porto abusivo di armi comuni da sparo in luogo pubblico.

Gli Agenti, dopo gli accertamenti di rito hanno condotto l’arrestato presso la locale Casa Circondariale “Pagliarelli”, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In sede di giudizio l’arresto è stato convalidato, all’uomo  è stata applicata la misura degli arresti domiciliari con dispositivo di controllo elettronico (braccialetto elettronico).