Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo i sequestri delle scorse settimane, i controlli della Polizia volti a reprimere il fenomeno delle scommesse clandestine hanno portato ad altro risultato.
Nelle maglie dell’attività ispettiva degli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, un gestore di un grande esercizio sito in via Giuffrida, sorpreso a raccogliere scommesse per conto di un bookmaker straniero senza licenza di pubblica sicurezza e di concessione governativa dei Monopoli.
E’ così scattato il sequestro preventivo di un locale dell’immobile e di un box in uso al gestore, che è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria ai sensi della L.401/1989. Sotto sequestro anche le postazioni informatiche messe a disposizione degli avventori ed alcuni palinsesti di scommesse.
Il monitoraggio delle attività di raccolta ha però riguardato anche quelle lecite, dotate cioè di regolare autorizzazioni.
Nella stessa giornata è stato infatti emesso unn provvedimento di sospensione ai sensi dell’art.100 T.U.L.P.S. della licenza di un centro scommesse di via Zamparrone.
Accurati controlli di polizia avevano infatti messo in luce che in prossimità dello stesso un noto pregiudicato era intento a spacciare sostanza stupefacente ad avventori, anch’essi pregiudicati.
L’uomo sarebbe stato arrestato l’indomani per il medesimo reato, consumato a pochi metri di distanza dall’esercizio.
Sulla scorta del provvedimento del Questore, il titolare dell’esercizio dovrà chiudere i battenti dell’attività per 30 giorni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here