Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sui giovani si fa sempre un gran parlare, a volte sono oggetto di critiche e altre no, ma la certezza del futuro è nelle loro mani, solo investendo su di loro si potrà sperare in un futuro migliore.

La nostra terra ci ha donato nel passato molti illustri personaggi che hanno fatto la storia della nostra bella comunità, storia di cui tutti i ciminnesi vanno fieri. Nella nostra comunità possiamo dire che le menti non sono mai mancate e per nostra fortuna continuano a non mancare, oggi infatti possiamo annoverare ciminnesi illustri in moltissimi ambiti sia culturali che scientifici, spaziando dall’arte alla filosofia e dalla medicina alla meccanica, insomma noi ciminnesi dovremmo essere fieri di questa nostra comunità.

Per questo la nostra associazione vuole valorizzare con questa nuova rubrica chiamata “ORGOGLIO CIMINNA”, tutti quei soggetti che per un motivo o per un’altro, giovani e meno giovani, che con sacrificio ed impegno, sono riusciti ad emergere ed a portare avanti il buon nome di Ciminna e dei ciminnesi.

Iniziamo questa rubrica con un giovane ciminnese che ci ha colpito essenzialmente per la semplicità d’animo, per la riservatezza e per l’assoluta professionalità ci riferiamo naturalmente al Prof. GIUSEPPE NIGLIACCIO.

Al di là dei titoli accademici del Prof. Nigliaccio, oggi volevamo segnalare un’importante suo intervento ad un convegno internazionale svoltosi dal 15 al 18 aprile 2015 a Palermo dal nome “Building Consensus. Rethoric between Democracy and conflict” organizzato da EIKOS International Research Group on Rhetoric e dal CRF “International Center for Philosophical Research” in cui fra i relatori, oltre a studiosi e professori provenienti da diverse università internazionali (Vienna, Lisbona, Santa Caterina in Brasile, Bruxelles, Tubinga, Istanbul, Barcellona, Oslo) era presente il nostro Prof. Giuseppe Nigliaccio intervenuto al convegno con una relazione dal titolo “Le basi ideologiche dello Stato islamico. Alì Sharīʽatī e il “caso” iraniano,  fra pensiero occidentale e cultura musulmana”.

E’ invece, di questi giorni la notizia, della pubblicazione dell’intervento del Prof. Nigliaccio sulla rivista internazionale “EPEKEINA. International Journal of Ontology. History and Critics” nel Vol 7, No 1-2 (2016).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here