Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 

Dalle prime ore di stamane la Polizia di Stato, segnatamente personale della Squadra Mobile di Palermo diretta dal Dr. Rodolfo RUPERTI, in esecuzione di Ordinanza emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari presso di Tribunale di Palermo dr. NICASTRO, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dr. AGNELLO, ha tratto in arresto, sottoponendoli al regime della custodia cautelare in carcere, i sottonotati soggetti,  ritenuti responsabili, a vario titolo,  di  più condotte di cessione di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

MACALUSO Stefano, di anni 31; DI BETTA Antonino, di anni 26; BIANCUCCI Danilo, di anni 26; FIORELLINO Giovanni di anni 24, LA DOLCETTA Alessandro, di anni 20.

L’attività d’indagine condotta dalla Sezione Antidroga consentiva di delineare l’operatività di , che attraverso alcune utenze cellulari dedicate agli acquirenti e sempre accese, fornivano un servizio di consegne a domicilio dello stupefacente attivo “H/24” che riguardava per lo più la cd. “Palermo bene”.

 

Le attività evidenziavano che tra gli acquirenti dello stupefacente vi erano numerosi professionisti palermitano che concordavano con gli indagati appuntamenti spesso fissati in zone rientranti nella “Movida” Palermitana.

 

Del primo gruppo facevano parte il MACALUSO  ed il DI BETTA, suo vero e proprio alter ego con il quale si alternava in veri e propri “turni lavorativi”, scambiandosi il cellulare “di servizio” sul quale i due ricevevano centinaia di telefonate, tutte finalizzate alla compravendita di cocaina.

 

Nell’ambito dell’indagine emergeva l’incessante attività illecita posta in essere dai due indagati, i quali in due mesi ricevevamo circa 80 richieste al giorno di cocaina che raddoppiavano nel giorni festivi, registrandosi, oltre 22.000 conversazioni finalizzate alla compravendita di cocaina e ben 339 potenziali clienti.

 

Del secondo gruppo di pusher facevano parte il BIANCUCCI, FIORELLINO e LA DOLCETTA che rifornivano di cocaina una fitta rete di acquirenti utilizzando, analogamente alla prassi adottata dal duo MACALUSO/DI BETTA, un’unica Sim quale utenza di “servizio”.

 

Il FIORELLINO veniva tratto in arresto da personale della “Narcotici” il 3 dicembre scorso nella flagranza della detenzione di 34 gr. di cocaina.  A seguito del suo arresto  il LA DOLCETTA lo sostituiva, proseguendo l’attività con il BIANCUCCI

 

Nell’arco di circa un mese, a loro carico, si registravano 13736 telefonate con una media di più di 457 telefonate/messaggi al giorno e la presenza di 331 nominativi chiamanti.

 

Si constatava anche che alcuni dei potenziali acquirenti di tale, secondo,  gruppo erano gli stessi che con le medesime criptiche e sintetiche richieste contattavano la coppia MACALUSO-DI BETTA.

 

L’analitico calcolo della cocaina smerciata da entrambi i gruppi, sulla base del numero medio di consegne giornaliere, calcolato al minimo assoluto in circa 60 gr. al giorno, raddoppiato nei week-end, lascia raggiungere complessivamente i quantitativi di nr. 2  chili di cocaina smerciata.

Il volume d’affari mosso dai due gruppi criminali si aggira, complessivamente, sui 300.000,00 euro, circa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here