Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Gli agenti, stamane, hanno tratto in arresto OGWU EMMANUEL, 48enne liberiano, responsabile del reato di detenzione ai fini di cessione di stupefacenti.L’arresto è maturato, intorno alle 07:30, nei pressi del terminal bus adiacente la stazione centrale e nel corso dell’operazione i poliziotti della Mobile palermitana diretta da Rodolfo Ruperti hanno recuperato un ingente carico di cocaina, circa 1 kg. di polvere bianca.Dunque, ancora una volta, i corrieri della droga hanno solcato le rotte del meridione d’Italia giungendo da Napoli a Palermo e per farlo hanno scelto il “comodo” trasporto gommato di un pullman di linea. Gli agenti della sezione “Antidroga” della Squadra Mobile, proprio allo scopo di scovare episodi di trasporto e spaccio di droghe, hanno, stamane, effettuato un servizio di appostamento che li ha portati sulle tracce di OGWU e di una sua compagna di viaggio.
Tra i tanti viaggiatori sbarcati dal pullman proveniente da Napoli, infatti, l’attenzione dei poliziotti si è appuntata sulla coppia di cittadini extracomunitari; evidentemente anche OGWU avrà temuto di dare nell’occhio e così, appena sceso dal pullman, si è momentaneamente separato dalla donna per poi ricongiungervisi a distanza di una decina di metri.
E’, così, scattato il controllo di un poliziotto tanto temuto dal liberiano: la sua reazione è stata furente, l’uomo ha lanciato un cellulare addosso ad un agente e lo ha scaraventato per terra, tentando una disperata fuga.
I poliziotti, insieme ad una pattuglia di Polizia Municipale presente sul posto, si sono messi all’inseguimento di OGWU, riuscendo a bloccarlo a poche centinaia di metri di distanza. L’uomo aveva al seguito due involucri di plastica contenenti un chilogrammo di cocaina, complessivamente; l’unico, per altro originale, accorgimento adottato dallo straniero per garantirsi da eventuali controlli antidroga, era stato quello di trasportare insieme alla droga, nello stesso sacchetto, delle arance già sbucciate il cui forte odore avrebbe potuto “coprire” quello dello stupefacente.
L’uomo è stato tratto in arresto, lo stupefacente posto sotto sequestro e la compagna di viaggio di Ogwu denunciata a piede libero.