Notte molto movimentata per le “Volanti” della Polizia di Stato, diverse le persone denunciate

0
697
Condividi l'articolo, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  

Tra interventi per tentativi di furto, ruberie ed episodi di spaccio, è stata una notte molto movimentata per gli equipaggi della Polizia di Stato.
Le volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico sono intervenute, dapprima, in pieno centro in via Bara all’Olivella: sullo sfondo del teatro Massimo e nei pressi di palazzo Branciforte, quattro giovanissimi avevano già preso di mira due vetture parcheggiate da altrettanti residenti.
Il furto dell’autoradio è un “articolo” sempre molto apprezzato dai criminali di strada e quattro malviventi palermitani, uno di 16, due di 18 ed uno di 20 anni, stanotte, lo avevano dimostrato ancora una volta, portando a compimento un colpo su una Renault Clio.
Al sopraggiungere dei poliziotti, i quattro si sono lanciati in una disperata fuga a bordo di una vettura nella loro disponibilità ma sono stati raggiunti e bloccati.
Si sarebbe scoperto a distanza di alcuni minuti che anche un’altra vettura, una minicar, parcheggiata non distante dalla precedente, era stata già “visitata”, manomessa nel blocco accensione e privata del supporto del tergicristallo.
I quattro sono stati denunciati per furto aggravato in concorso e resistenza a Pubblico Ufficiale.
A distanza di qualche ora, quattro giovani, rispettivamente di 19,16,15 ed, addirittura, 13anni, avevano pensato bene di divellere parte del passamano in acciaio zincato della rampa di accesso alla nuova fermata metropolitana della Guadagna.
Il passamano è stato restituito a personale di RFI, il 19enne, il 16enne ed il 15enne sono stati denunciati, a piede libero mentre il 13enne è stato affidato ai genitori.
Infine, quasi allo stesso orario, una volante di Polizia ha fermato due pedoni palermitani di 18 e 20 anni, in via Roma.
I due hanno insospettito gli agenti perché hanno accelerato il passo alla vista dei poliziotti.
Addosso denaro contante, cellulari e, soprattutto, sette stecche di hashish.
Tutto è stato sequestrato ed i due sono stati denunciati per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.