Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ stata una violenta e “costosa” rappresaglia quella indirizzata da un parcheggiatore abusivo, la notte dello scorso venerdì, in piena “movida”, nei confronti di un automobilista e della sua vettura.
La Polizia di Stato ha, così, tratto in arresto, per i reati di tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale, Accomando Antonino, 46enne palermitano del quartiere Oreto, parcheggiatore abusivo in via Nicola Calipari, a due passi dalla “Champagneria” e dalla via Cavour.
Vittima un automobilista, non piegatosi all’idea di retribuire una prestazione non richiesta a chi si era già indebitamente appropriato di uno spazio urbano.
La vicenda è avvenuta intorno alle 22:00, quando un automobilista palermitano, insieme alla fidanzata, ha regolarmente parcheggiato la sua vettura in uno spazio, ritenuto franco, in via Calipari.
L’uomo non ha fatto in tempo a scendere dall’abitacolo che si è ritrovato faccia faccia con Accomando, accreditatosi quale parcheggiatore di zona; questi, senza tanti giri di parole, ha preteso la consegna di denaro per l’occupazione dello spazio di sua pertinenza e non ha gradito il diniego dell’interlocutore. Dopo averlo minacciato di danneggiare l’auto, si è avvicinato alla vettura in modo ostile.
Il cittadino, impaurito per sé e per la fidanzata, si è allontanato, ha notato il passaggio di una pattgulia della Polizia di Stato, una delle tante programmate in servizio di prevenzione e controllo del territorio del centro cittadino ed ha richiamato l’attenzione dei poliziotti.
La scena è stata scorta dal parcheggiatore che, al culmine della rabbia, ha sfogato la sua frustrazione sulla vettura del malcapitato, infrangendone il vetro della portiera anteriore con un oggetto contundente.
Il parcheggiatore è fuggito lungo la via Cavour, tentando di mischiarsi ai tanti giovani che il venerdì sera affollano la zona ma è stato inseguito e raggiunto dai poliziotti che, con non poca fatica, sono riusciti ad immobilizzarlo e trarlo in arresto.
Il provvedimento di arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.