Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Polizia di Stato, durante dei specifici servizi  finalizzati a debellare lo spaccio di sostanze stupefacenti, in corso dei Mille, ha sequestrato una taverna abusiva e denunciato  due  pregiudicati  palermitani C.L., di anni 34, per possesso di sostanze stupefacenti e  C.S., di anni 30 per  possesso di oggetti atti ad offendere.

Gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ieri pomeriggio, mentre transitavano in corso dei Mille, in una zona nota come piazza di spaccio  notavano tre soggetti stazionare davanti l’ingresso di un locale che alla vista delle volanti facevano repentino rientro.

Pertanto i poliziotti entravano all’interno del locale in questione e procedevano  ad identificare i tre soggetti poco prima visti rientrare all’interno della struttura ed altre  persone intente a  bere bevande alcoliche.

Visto l’alto numero di avventori all’interno del locale, si facevano intervenire altre volanti e personale dell’Unità Cinofila della Polizia di Stato al fine di effettuare perquisizione locale  della struttura, che era priva di qualsiasi tipo di autorizzazione.

Durante la fase di controllo dei soggetti, a  carico di C. L.,  si rinveniva un pezzo di sostanza stupefacente verosimilmente del tipo Hashish, che lo stesso custodiva all’interno dei jeans indossati, mentre all’interno del vano portaoggetti della sua vespa parcheggiata nelle immediate vicinanze della bettola  si rinvenivano delle dosi di sostanza stupefacente verosimilmente cocaina e la somma complessiva di Euro 160,00 che venivano sequestrati. Nel locale,  adibito  abusivamente alla somministrazione di bevande, si rinveniva un coltello tipo pugnale ed una mazza verosimilmente da baseball con alla punta dei chiodi, armi di cui C. S. ne dichiarava la proprietà e pertanto lo stesso veniva indagato in stato di liberta.

Il locale in questione era adibito a somministrazione non autorizzata di bevande alcoliche,
e si procedeva a sequestro amministrativo con la contestuale sanzione amministrativa di euro 5.000.