Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, PIRRELLO ALESSANDRO, pregiudicato palermitano di anni 29, residente nel quartiere “ZEN 2”, resosi responsabile insieme a PETITTO Antonino, classe ‘87 e CRIVELLO Lorenzo, classe ‘82, già tratti in arresto, di un’efferata rapina a mano armata ai danni di una rivendita di tabacchi di Termini Imerese.
L’arresto è maturato nell’ambito di una complessa attività investigativa svolta dai ”Falchi” della Squadra Mobile di Palermo – Sezione Contrasto al Crimine Diffuso, con l’ausilio dei colleghi del Commissariato DI P.S. di Termini Imerese.
Le indagini hanno consentito di individuare il terzo degli autori della violenta rapina aggravata perpetrata il 3 gennaio 2017 ai danni di una rivendita di tabacchi di Termini Imerese.
Il PIRRELLO, armato di pistola giocattolo, unitamente al CRIVELLO ed al PETITTO, già arrestati in flagranza di reato, si era introdotto all’ interno della rivendita di tabacchi, travisato, e, dopo aver minacciato e colpito ripetutamente al volto e in testa il titolare con il calcio della pistola, si era impossessato di 1.700 euro e di 974 pacchetti di sigarette.
I suoi due complici sono stati arrestati quella stessa sera: uno di loro, Crivello, sorpreso nei pressi della Stazione di Termini, mentre tentava di fuggire in treno e riconosciuto dagli agenti grazie al colore blu intenso dei suoi occhi; Petitto, invece, era stato bloccato lungo il tratto autostradale della A19, in direzione Palermo, nei pressi del viadotto “Sicilia”, mentre camminava a piedi sulla corsia di emergenza.