Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

100 PASSI VERSO IL CIELO…il 9 maggio del 1978 veniva ucciso Peppino Impastato. Mi spiace non averlo conosciuto, ma io avevo solo 4 anni.  Non era una persona importante, un politico, un onorevole. Era un “minchione” qualsiasi, come me e come te che mi stai leggendo! Ma si era rotto le palle della mafia, e non solo della mafia come fenomeno cosmico, quello di cui tanti parlano senza sapere esattamente cosa sia. Era uno che aveva deciso di denunciare i mafiosi che vivevano nel suo paesino, a cento metri da casa sua, facendo nomi e cognomi attraverso la sua RADIO OUT. E ha dimostrato di avere un coraggio di 10 leoni, e la dignità di un vero essere umano. Se io fossi al posto della Treccani, inserirei Peppino Impastato come sinonimo di “legalità”, quella vera sul territorio e contro un nemico chiaro e mortale. Perché la legalità non è quella che si proclama solo con le parole e con le manifestazioni, questi si chiamano sermoni, che sono pure importanti. Ma il coraggio è altro. E’ importante quando ci metti la faccia e rischi il tuo sedere e quello dei tuoi familiari. E a tutti quelli che pensano che i Siciliani siamo tutti mafiosi, posso solo dire che mi fanno pena. Pena perché tra i loro concittadini non possono annoverare un vero uomo come Peppino.
Dimenticavo…la Mafia è una montagna di merda!

Pagina Facebook di Igor Gelarda