Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AVVOCATI, RACCOLTA DI FIRME A PALERMO E IN SICILIA PER LA PROPOSTA DI LEGGE PER ABOLIRE L’INCOMPATIBILITA’ TRA PROFESSIONE DI AVVOCATO E LAVORO DIPENDENTE NEGLI STUDI LEGALI.

Un incontro con gli avvocati di Palermo per raccogliere le firme di sostengo alla proposta di legge, promossa da Cgil, Anf e Mga, e già presentata in Parlamento, per abolire l’incompatibilità tra lavoro dipendente o parasubordinato e professione di avvocato. L’appuntamento, organizzato da Cgil Palermo, Filcams Cgil Palermo e Nidil Palermo, assieme alla Consulta delle professioni, si è svolto presso la Camera del Lavoro ed è servito a raccogliere l’appoggio, da parte di chi esercita la professione forense, per sanare una situazione ormai intollerabile soprattutto per moltissimi giovani avvocati. “Questa proposta di legge vuole dare la possibilità agli avvocati che svolgono la professione in studio di essere subordinati o dipendenti senza essere cancellati dall’Ordine”, ha spiegato all’incontro il responsabile nazionale della Consulta delle professioni Cristian Perniciano, che oggi alle 15,30 sarà al Tribunale di Caltanissetta e domani alle 16 al coworking della Cgil di Enna per degli incontri analoghi – Come Cgil stiamo entrando in contatto col mondo dei non dipendenti, anzi con gli autonomi per eccellenza, come sono gli avvocati”.

Le firme raccolte, esclusivamente tra gli avvocati, saranno consegnate alle forze politiche in Parlamento con la richiesta di appoggiare la battaglia per garantire un lavoro dignitoso agli iscritti all’Ordine che operano negli studi professionali, già di fatto in rapporto di subordinazione ma senza goderne i diritti, e per assicurare ai clienti un servizio trasparente e di qualità. “Questa iniziativa rientra nel processo di divulgazione della Carta universale dei diritti dei lavoratori, che la Cgil sta presentando a tutte le professioni – dichiara Alessia Gatto, per la Cgil Palermo – Il lavoro e la professionalità vanno tutelati e devono essere riconosciuti i diritti a tutti i lavoratori, indipendentemente dalla tipologia contrattuale che hanno”. “Molti praticanti e avvocati – aggiunge Laura Di Martino, segretaria generale Nidil Cgil Palermo e componente di segreteria Filcams Cgil Palermo – sono nei fatti dipendenti di studi professionali. Pensiamo che la professione di avvocato si possa normare all’interno del contratto collettivo degli studi professionali”.

L’appello lanciato dalla Consulta delle professioni e dalla CGIL, con l’appoggio di ANF, Filcams, MGA e Nidil, si può firmare online a http://www.progressi.org/avvocati.