Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Il dramma dei migranti che a decine di migliaia attraversano il Mediterraneo per sfuggire a guerre, fame, persecuzioni ,l’organizzazione dei soccorsi in mare, il sistema di protezione e accoglienza in Sicilia con particolare riguardo ai campi profughi, l’azione delle organizzazioni umanitarie. Sono stati questi i temi al centro della Migrant & Tacid Refugee Mission  2017 lanciata da giuristi e avvocati inglesi appartenenti alla SBL (Society of Black Lawyers) e alla AML (Association of Muslim Lawyers).
Una delegazione, composta di giudici Peter Herbert e Kukdip Phull e dai giuristi Hemma Iayaz, Adilah Azil e Yonathan Mascio, è stata ricevuta in Municipio dal sindaco Enzo Bianco e dal vicesindaco Marco Consoli.
La collaborazione tra le due associazioni  che si occupano dei diritti dei migranti e il Comune di Catania risale al 2015 quando una delegazione, sempre guidata dal giudice Peter Herbert   incontrò Bianco che fu poi  relatore a Londra , nella House of Parliament, di un convegno al quale, oltre alla due assocazioni, parteciparono attivisti dei dirtti umani e parlamentari del Regno Unito.
Lo scopo della missione degli avvocati e giuristi inglesi è quello di influenzare i governi europei per fare di più per risolvere la crisi dei migranti .
Sia Bianco che Consoli hanno parlato, tra l’altro, del problema dei trafficanti e dell’ alto numero di minori non accompagnati che approdano nelle coste del catanese.  Minori che a Catania, “città dell’accoglienza” , sono accolti e aiutati in percorsi dedicati. Nel corso dei colloqui si sono anche prospettate delle soluzioni che possano aiutare o almeno alleviare, se non a risolvere , i viaggi delle migliaia di disperati che cercano un futuro possibile.

La nuova visita ha permesso di avere degli aggiornamenti ulteriori dalla viva voce di chi vive il problema  dei slavataggi e degli arrivi sulle nostre coste in prima persona, a partire dalla Guardia Costiera. I risultati di questi incontri  saranno oggetto di una conferenza davanti alla Pan African Lawyers presso l’Unione Africana.nella città sud africana di Durban.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here