Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    21
    Shares

 

Nella decorsa nottata, agenti delle Volanti hanno arrestato il pluri-pregiudicato CARAMBIA Andrea, (classe 1982), perché responsabile di furto aggravato e resistenza a P.U.

I fatti si sono svolti intorno all’1:10 quando, durante l’attività di controllo del territorio, gli agenti hanno controllato in piazza Grenoble, di due individui sospetti – un uomo e una donna – che si trovavano a bordo di un’autovettura. Accortosi della pattuglia, il conducente ha improvvisamente avviato l’auto e, per sfuggire ai poliziotti, ha persino tentato di investire uno degli agenti scesi dal mezzo.

A tale reazione, è seguito un lungo e pericoloso inseguimento per le strade del centro storico cittadino, affollato anche a quella tarda ora, che si è concluso in via Alogna, dove i due individui hanno abbandonato l’auto per fuggire appiedati: sono stati raggiunti e bloccati dagli operatori di Polizia, dopo alcune decine di metri.

Il CARAMBIA, a quel punto, ha aggredito nuovamente gli agenti e, nel tentativo di sottrarsi alla presa, ha ingaggiato una colluttazione con uno loro, ma è stato definitivamente bloccato.

Entrambi i fermati sono stati accompagnati in Questura per gli accertamenti di rito: qui sono stati identificati per il suddetto CARAMBIA Andrea, conducente dell’autovettura, e per M.M. nata in Nigeria passeggera dell’auto. Si è accertato che l’auto era stata appena rubata nella zona del centro storico al proprietario al quale, dopo la formalizzazione della denuncia di furto, è stata riconsegnata.

Due degli agenti intervenuti hanno subito lesioni che li hanno costretti a ricorrere alle cure del Pronto Soccorso.

La donna è stata trattenuta presso gli Uffici della Questura, a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per la notifica del provvedimento di diniego della protezione internazionale, mentre il CARAMBIA, su disposizione del P.M. di turno, è stato rinchiuso nelle le Camere di Sicurezza della Questura, in attesa dell’udienza del giudizio direttissimo.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here