Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

In data  21 giugno,  ubicato in una zona residenziale del quartiere cittadino uditore-Passo di Rigano, l’asilo nido comunale intitolato ad una docente universitaria palermitana scomparsa nel Marzo 1994, ricordata per il forte impegno sociale e culturale  “ Lydia Tornatore “, è stato protagonista attraverso la  festa di fine anno scolastico, che ha visto coinvolti le educatrici e gli operatori tutti , per la realizzazione dell’evento.

L’assessore  Barbara Evola , la responsabile gestione PAC ( Piano di azine e cooperazione )  Santa Catania e il  funzionario pedagogico Giacomo Piraino insieme ai  numerosi  partecipanti, dalle famiglie ai nuovi utenti, dai cittadini/e  alle figure apicali del settore, hanno apprezzato la partecipazione  straordinaria dei ragazzi  del “ Teatro DITIRAMMU “  con la loro  “ LAPA LIBRO “ nella impeccabile performance di  balli e racconti  di canti e cunti  siciliani.

Non come spettacolo fine a se stesso, ma come significato di tradizione e cultura che passa attraverso la genitorialità.

Il nido “ Lydia Tornatore  “compie 20 anni!!!!

Fortemente voluto dall’allora assessore pro-tempore alla Pubblica Istruzione Alessandra Siragusa, scomparsa di recente in seguito ad una terribile malattia.

Quest’ultima  e’ certamente una della figure più importanti  del  “ Cambiamento “ del  settore dei servizi della prima infanzia del comune di Palermo

.Oltre l’aspetto burocratico e politico si deve a lei l’intuito dell’esigenza di un profondo rinnovamento del servizio offerto alla città. Lavorare sulla “ qualità “ divenne subito l’obiettivo comune principale. La qualità degli spazi, del rapporto con le famiglie,  professionale del personale, diventa la parola chiave che fa oggi riconoscere gli asili nido di Palermo, all’interno delle politiche dell’infanzia, una tale “qualità “ da essere diventati oggi punto di riferimento e modello in altre città regionali e nazionali.

A testimonianza di ciò,  letture di brani sono state eseguite da utenti già conosciuti, oggi studenti universitari.

All’interno della festa, si è potuta ammirare anche la mostra itinerante permanente :                                                             “ Art in fabula “.

La referente pedagogica  pro-tempore del nido, Silvia Testa ha dichiarato a margine dell’iniziativa, “ il titolo della mostra e’ lo stesso titolo del  progetto didattico di quest’anno, appunto  ‘ Art in fabula’,  l’Arte intesa nel suo significato più ampio, che  comprende ogni attività umana, espressa singolarmente o di gruppo che porti a forme di espressione estetica, poggiando su abilità innate e/o acquisite dall’esperienza”.

“I Capolavori di tutti i bimbi del nido , –  spiega Silvia Testa – come pitture su tela e cartoncino, disegni che raffigurano personaggi delle storie raccontate , manufatti realizzati con materiale di riciclo e recupero e un video che permette la visione  della esecuzione dei lavori, nonché della drammatizzazione,rende  visibile il significato del nido concepito come laboratorio di idee , di attività e iniziative dove i bambini sono i veri protagonisti nel processo di apprendimento”.

“Infine  –  conclude –  vorrei ricordare l’iniziativa che prende il nome di “ Palermo città educativa “. L’anno scorso è partito  un progetto educativo integrato ove i servizi per  l’infanzia ( nido e materna ) hanno avuto una prima fase di  approccio e  coinvolgimento. Sarà invece  a partire da quest’anno scolastico che i servizi per l’infanzia riusciranno a dare un notevole e sostanziale  contributo, attraverso   l’obiettivo prefisso dal servizio stesso. Cioè ,tramite  la realizzazione di progetti educativi-didattici  , ove i nidi, pur mantenendo la loro specificità progettuale, avranno la possibilità di essere inseriti nel P.T.O.F. (Piano territoriale Offerta Formativa ), stilando  progetti  che dovranno rispondere ad un unico denominatore  comune: l’integrazione scuola /famiglia/società.”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here