Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A         

“Passata la festa, gabbato lo santo: subito dopo le elezioni comunali, un malefico sortilegio sembra avere colpito chi si occupa della pulizia e della raccolta dei rifiuti a Palermo. Infatti, gli operatori ecologici sembrano essere scomparsi e la raccolta dei rifiuti va sempre più a rilento, soprattutto nei quartieri periferici della città”. Lo afferma Angelo Figuccia, consigliere comunale di Forza Italia, che prosegue: “Evidentemente, a Palermo per avere strade pulite e marciapiedi senza erbacce dovremmo essere sempre in campagna elettorale permanente effettiva. Subito dopo le elezioni dello scorso 11 giugno, infatti, forse perché stravolti dal superlavoro effettuato nei seggi, è esplosa nuovamente l’emergenza rifiuti, soprattutto nelle zone periferiche, dove gli abitanti gridano al miracolo come se fosse un’apparizione mariana quando vedono all’opera un operatore ecologico o gli addetti alla raccolta dei rifiuti.

A rendere ancora più critica la situazione si aggiunge anche la questione degli operai della Reset, che praticamente non effettuano più alcun intervento di pulizia nei marciapiedi o nelle aiuole, forse perché costretti a lavorare nelle ore più calde senza alcuna tutela. Se così fosse, probabilmente sarebbe meglio farli lavorare o al mattino presto o nelle ore serali, quando le temperature calano e, magari, aumenta la produttività”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here