Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Una nuova donazione per il museo di villa Cattolica. Si tratta dell’opera di Franco Mazzucchelliintitolata “Spirale di Archimede” 60x60cm del 2015.

Mazzucchelli nasce a Milano nel 1939, si diploma nel 1963 in pittura  e nel 1966 in scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, presso cui, dal 1966 ,ricopre il ruolo della cattedra Uso e tecnologia delle arenarie e dei materiali sintetici

Presente in numerosissime mostre personali tra Francia, Olanda, Germania, Svizzera e Brasile e collettive con artisti del calibro di Munari, Boriani, Dadamaino, Bonalumi, Simeti, Cerolie e Aricò, ha partecipato in importanti rassegne come la Biennale di Venezia del 1976 e varie edizioni della Triennale di Milano e la undicesima Quadriennale di Roma.

In Sicilia nel 2015 le Fabbriche Chiaramontane di Agrigento gli dedicano una grande retrospettiva “Aria Nuova  – Franco Mazzucchelli”, curata da Tonino Difazio e Linda Saporito.

“Nel processo di ideazione delle superfici gonfiabili Mazzucchelli si serve di figure geometriche come varianti di icone scientifiche applicate all’uso estetico, in modo da esercitare l’istinto costruttivo sulla base di calcoli che si modificano in corso d’opera, adattandosi alle tensioni del corpo plastico – scrive il critico Claudio Cirritelli -Il piano progettuale è sempre sottomesso alle caratteristiche del materiale, nel senso che la definizione matematica dei ritmi formali è in relazione alle possibilità di integrarsi nell’ elasticità della materia. C’è sempre un margine di differenza tra ciò che viene stabilito nel tracciato preliminare e ciò che effettivamente viene a tradursi in rette e curve, cerchi e quadrati, spirali e orbite, passando dall’idea astratta all’oggettivazione concreta dell’opera”.

“E’ un’opera di valore che arricchisce il patrimonio del nostro museo sempre più lanciato verso il moderno” – dice l’assessore alla Cultura, Romina Aiello – “ringraziamo l’artista che ha pensato al museo Guttuso di Bagheria, quale ideale luogo di esposizione per una sua opera”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *