Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Igor Gelarda

L ALBERO CHE NON C’È PIÙ….Ieri l’altro sono stato contattato da alcuni cittadini che, preoccupati, mi hanno segnalato che quest’albero che si trovava all’interno di una caserma dell’esercito in via di Generale Maria, di notte, era scomparso! Un albero che faceva loro compagnia da più di 40 anni. Ieri sono andato presso questa caserma. Mi sono presentato come consigliere comunale, anche se in pectore, del Movimento 5 Stelle. Quando gli uomini dell’ esercito hanno capito che la mia intenzione non era fare polemica ma solo sapere esattamente cosa fosse successo, si è rotto il ghiaccio e mi hanno spiegato e mostrato tutto. Ho visto quello che resta dell’albero che è stato tagliato. Si trattava di un ficus microcarpa che stava lì dal dopo guerra. Ma che con le sue radici aveva già danneggiato un muretto di separazione, messa in pericolo la staticità di alcune parti di un edificio, bloccato degli scarichi e danneggiato un garage. Inoltre appena due settimane fa aveva rovinosamente perso un ramo che era lungo più di 10 metri, per fortuna di notte quando non c’era nessuno sul piazzale.
Alla fine i militari hanno chiesto consigli al Comune che ha mandato dei tecnici. E successivamente l’area del verde e della vivibilità urbana del Comune ha rilasciato un nulla osta per l’abbattimento dell’albero. Che era diventato pericoloso per gli edifici e per le persone. I militari mi hanno dato la possibilità di accedere a tutta la documentazione relativa all’albero. Ci dispiace dunque per il grande albero, anche se la notizia buona è che per questo albero tagliato l’esercito metterà a dimora altri due alberelli: un carrubo e un ulivo. E appena gli Alberelli verranno piantati, tra una decina di giorni circa, mi manderanno le foto e io le pubblicherò.
Mi resta solo un dubbio, che condivido con voi. Forse se il comune prima di autorizzare il taglio avrebbe potuto avvisare i cittadini e magari verificare la possibilità di soluzioni meno drastiche. Ma resta solo un dubbio….
Ieri l’altro sono stato contattato da alcuni cittadini che, preoccupati, mi hanno segnalato che quest’albero che si trovava all’interno di una caserma dell’esercito in via di Generale Maria, di notte, era scomparso! Un albero che faceva loro compagnia da più di 40 anni. Ieri sono andato presso questa caserma. Mi sono presentato come consigliere comunale, anche se in pectore, del Movimento 5 Stelle. Quando gli uomini dell’ esercito hanno capito che la mia intenzione non era fare polemica ma solo sapere esattamente cosa fosse successo, si è rotto il ghiaccio e mi hanno spiegato e mostrato tutto. Ho visto quello che resta dell’albero che è stato tagliato. Si trattava di un ficus microcarpa che stava lì dal dopo guerra. Ma che con le sue radici aveva già danneggiato un muretto di separazione, messa in pericolo la staticità di alcune parti di un edificio, bloccato degli scarichi e danneggiato un garage. Inoltre appena due settimane fa aveva rovinosamente perso un ramo che era lungo più di 10 metri, per fortuna di notte quando non c’era nessuno sul piazzale.
Alla fine i militari hanno chiesto consigli al Comune che ha mandato dei tecnici. E successivamente l’area del verde e della vivibilità urbana del Comune ha rilasciato un nulla osta per l’abbattimento dell’albero. Che era diventato pericoloso per gli edifici e per le persone. I militari mi hanno dato la possibilità di accedere a tutta la documentazione relativa all’albero. Ci dispiace dunque per il grande albero, anche se la notizia buona è che per questo albero tagliato l’esercito metterà a dimora altri due alberelli: un carrubo e un ulivo. E appena gli Alberelli verranno piantati, tra una decina di giorni circa, mi manderanno le foto e io le pubblicherò.
Mi resta solo un dubbio, che condivido con voi. Forse se il comune prima di autorizzare il taglio avrebbe potuto avvisare i cittadini e magari verificare la possibilità di soluzioni meno drastiche. Ma resta solo un dubbio….

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here