Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

A seguito di informazioni ricevute dalla Prefettura di Palermo, l’amministrazione comunale di Bagheria ha immediatamente revocato l’affidamento in concessione di un bene confiscato alla mafia, l’immobile di via D’Azeglio al civico 50, all’associazione “Libero Futuro”.

Il contratto viene revocato, con effetto immediato, alla luce di quanto comunicato dalla Prefettura ed in rispetto a quanto indicato all’articolo 5 , comma 2, lettera A, del contratto di concessione del 27 gennaio 2015.

Come è noto l’immobile è stato affidato con bando ad evidenza pubblica a Libero futuro ed in ossequio al regolamento comunale in essere sui beni confiscati alla mafia.

Nelle more della procedura amministrativa per revocare l’atto, recentemente l’amministrazione comunale, nel momento stesso in cui è stata informata dalla prefettura, ha già offerto ufficiosamente, durante la visita effettuata con il dirigente generale Antonino Candela, all’Azienda Sanitaria Provinciale, questo immobile per poterlo utilizzare quale consultorio, proprio alla luce della revoca.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *