Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

GIRO DI VITE DELLA POLIZIA DI STATO SUI PARCHEGGIATORI ABUSIVI. DISPOSTE DECINE DI MISURE DI ALLONTANAMENTO NEI CONFRONTI DI ALTRETTANTI “IRREGOLARI GUARDIANI DEL POSTO AUTO” E COMMINATE SANZIONI PER DIVERSE MIGLIAIA DI EURO    

 Proseguono incessanti  i servizi della Polizia di Stato per il contrasto alla dilagante presenza di parcheggiatori abusivi in numerose aree cittadine.

Le attività di controllo, disposte dal Questore e coordinate dal Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine, hanno visto scendere in campo decine di poliziotti appartenenti ai Commissariati di P.S. cittadini, al Reparto Prevenzione Crimine e all’Ufficio Prevenzione Generale, che hanno battuto, palmo a palmo, i luoghi cittadini tradizionalmente preferiti dai parcheggiatori abusivi per lo svolgimento della loro illegale attività, quali capolinea di autobus e metropolitane, aree prossime ad ospedali e stazioni ferroviarie.

Sono poco meno di 30 gli ODA (ordini di allontanamento per 48 ore dal luogo occupato), disposti nei confronti di altrettanti parcheggiatori abusivi rintracciati nelle zone cittadine controllate. Due di essi sono stati ulteriormente sanzionati per aver reiterato la condotta illecita a distanza di meno di un giorno da una precedente contestazione.

Le posizioni dei parcheggiatori abusivi sanzionati sono adesso oggetto di ulteriore approfondimento per l’eventuale applicazione nei loro riguardi del cosiddetto “DASPO Urbano”, un provvedimento ancor più stringente, disposto dal Questore, che prevede un lungo divieto di reingresso nelle aree dalle quali si era stati estromessi.

Il parcheggiatore abusivo non lede soltanto il decoro urbano, precludendo la libera fruizione della città, ma viola anche la disposizione di un preciso articolo del Codice della Strada: considerevole, al riguardo, la sanzione prevista e comminata al singolo posteggiatore, quantificata in mille euro, con contestuale confisca del denaro in suo possesso ritenuto provento dell’illecita attività.

I servizi proseguiranno nel corso delle prossime settimane.