Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nuova operazione di contrasto della Polizia di Stato ai reati in materia di sostanze stupefacenti nel quartiere cittadino di Bonagia.

Gli agenti della Sezione “Antidroga” della Squadra Mobile di Palermo da alcuni giorni stavano monitorando un’abitazione di via Aloi, all’interno della quale si riteneva che avvenisse una massiccia attività di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Al fine di dare riscontro all’ipotesi investigativa veniva eseguita  una perquisizione domiciliare ed in un piano semi – interrato si rinveniva una vera e propria serra, all’interno della quale vi erano oltre 40 piante di cannabis, con fusto alto circa un metro e mezzo ed un impianto di coltivazione molto sofisticato, con tutto l’occorrente per la concimazione, la ventilazione e l’irradiazione di calore delle piante; all’interno di un’abitazione sono state rinvenute altre 20 piante di cannabis, già recise e poste in essiccazione.

Tale tipo di coltivazione intensiva garantisce alla sostanza prodotta una percentuale di principio attivo significativamente superiore alla normale cannabis coltivata con metodi tradizionali.

Quanto rinvenuto è stato posto sotto sequestro penale. Per il relativo trasporto dal luogo del ritrovamento è stato, peraltro, necessario utilizzare un grosso mezzo d’opera.

Una prima stima approssimativa ha condotto a ritenere che la sostanza stupefacente che sarebbe stata prodotta dalle piante avrebbe potuto rendere, con lo spaccio al minuto, non meno di 50.000,00 euro di profitto.

Il proprietario dell’immobile, LO VERDE Ugo, palermitano incensurato di 57 anni, è stato arrestato nella flagranza dei reati di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana.