Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Gli agenti hanno fermato per rapina, Gaetano Mirabella, 39enne pregiudicato palermitano del quartiere “Cruillas”.
I “Falchi”della sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile, a seguito di un’intensa attività d’indagine sono riusciti a risalire all’identità del rapinatore, che era diventato l’incubo di una farmacia del quartiere Uditore, presa d’assalto già due volte, il 17 e il 26 luglio scorsi, con un bottino complessivo di circa 550,00 euro
Il malvivente, tanto rapido, quanto disinvolto, seguiva sempre lo stesso copione: irrompeva all’interno della farmacia, passamontagna sul volto e coltello alla mano, minacciava i dipendenti facendosi consegnare l’incasso per poi guadagnarsi indisturbato l’uscita.
Proprio la tracotanza mostrata dall’uomo nel mettere a segno i colpi si è rivelata fatale. Il rapinatore, una volta fuori dalla farmacia, scopriva il volto liberandosi del passamontagna e saliva a bordo della propria autovettura, parcheggiata a pochi metri di distanza.
I poliziotti, attraverso una complessa attività investigativa, raccogliendo testimonianze sul posto e visionando i fotogrammi delle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza della zona, sono riusciti a stringere il cerchio sulla figura criminale di un uomo.
Gli agenti, sono poi riusciti ad identificare compiutamente il rapinatore, sviluppando il numero di targa parziale dell’autovettura su cui era stato visto fuggire in occasione della prima rapina effettuata. Hanno, pertanto, tenuto d’occhio la sua abitazione fino ad avere la conferma che fosse proprio lui l’autore dei colpi, procedendo così al fermo.
Accertamenti sono in corso, da parte degli investigatori, sul possibile coinvolgimento del Mirabella ad episodi analoghi.

 

1 COMMENTO

  1. condivido questo mestiere non certo facile e moto rischioso con l’auspicio che questo paese esca anche dalla sofferenza del popolo creando posti di lavoro che sicuramente non tentano alcuni cittadini di tutte le nostre regioni a inserirsi nella criminalità.