mde
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Gli agenti della squadra di Polizia Amministrativa della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, al fine di garantire la sicurezza alimentare e la regolarità amministrativa hanno svolto numerosi controlli in attività di ristorazione e bar riscontrando delle irregolarità.

Particolare rilievo assume il controllo di un Chiosco-Bar, sito a Giarre.Il responsabile, M.N., è stato deferito all’A.G. ai sensi degli artt. 633 e 639 bis C.P. in quanto è stato accertato che nella piazza ove è collocato il chiosco di cui è titolare aveva occupato abusivamente 350 mq di suolo pubblico. Detta area era stata delimitata da moduli in legno e vasi con piante dove aveva installato n. 3 gazebi ancorati al suolo, allocato banchi frigoriferi, 68 tavoli e 211 sedie che riservava alla fruizione esclusivamente degli avventori dell’attività di somministrazione, impossessandosi di un bene pubblico per trarne profitto, invadendolo , sottraendolo arbitrariamente alla fruizione e al transito dei pedoni.

A seguire, è stato controllato un bar-panineria sito a Catania nel centro storico e, anche in questo caso, sono state rilevate importanti criticità. Nel corso del controllo, unitamente al personale dell’ASP, venivano trovati all’interno della dispensa e nel bancone vendita alimenti scaduti di validità ( farina, panini, Würstel) nonché carne e pesce arbitrariamente congelati privi della prescritta etichettatura concernente la tracciabilità Per quanto detto la merce veniva sottoposta a sequestro penale e la responsabile L.S. veniva deferita all’Autorità Giudiziaria nonché contravvenzionata con relativo provvedimento di sospensione dell’attività in argomento ai sensi dell’Art. 54 del regolamento CE882/04, poiché il deposito in uso al locale veniva trovato in pessime condizioni di pulizia e infestato da blatte. Ulteriore contravvenzioni venivano elevati per occupazione abusiva di suolo pubblico.

Inoltre è stata anche ispezionata un’ Associazione culturale sita a Catania e dal controllo non emergeva alcuna irregolarità di natura amministrativa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here