Caruso Salvatore
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Dainotti Umberto

Nella serata dello scorso 19 agosto, personale dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volante ha arrestato il pluri-pregiudicato catanese DAINOTTI Umberto, classe ’64 per favoreggiamento

personale e resistenza a P.U., nonché denunciato per possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli.

Nello specifico, durante il normale servizio di controllo del territorio, gli operatori in transito nel quartiere “Librino”, all’incrocio tra stradale San Teodoro e via del Giaggiolo, notavano un’utilitaria di colore blu a bordo della quale viaggiano tre uomini, due dei quali a loro già conosciuti in quanto con numerosi precedenti penali.

Pertanto decidevano di procedere al loro controllo, ma, nonostante intimassero più volte l’ALT Polizia, i tre uomini si davano a precipitosa fuga.

Ne derivava un pericoloso inseguimento a velocità sostenuta per le strade del predetto quartiere, fino a quando i tre abbandonavano l’autovettura fuggendo appiedati in una ripida scarpata in direzione di viale San Teodoro. Gli operatori, quindi, inseguivano i rei e, dopo un breve tratto riuscivano a bloccare e arrestare uno dei tre, che tentava di nascondersi dietro del materiale cementizio abbandonato.

Notiziato il P.M. di turno, disponeva di sottoporre l’uomo al regime degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo, fissato per la mattinata odierna.

Inoltre, nell’autovettura venivano rinvenuti arnesi atti allo scasso, nonché documenti dai quali ricavare elementi per identificare gli altri due passeggeri riusciti a sottrarsi al controllo.

 

Pastura Danilo

Nella nottata del 20 agosto scorso, medesimo personale dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volante ha arrestato il catanese PASTURA Danilo, classe 1993 per evasione dagli arresti domiciliari.

In particolare, il PASTURA si presentava spontaneamente presso gli Uffici della Questura, dichiarando di essere sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, ma di essersi volontariamente allontanato dalla stessa a causa dei continui litigi con la convivente che rendevano impossibile proseguire la coabitazione.

A seguito di ciò, veniva notiziato il P.M. di turno, che disponeva di trattenere l’arrestato presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

 

Nella stessa nottata del 20 agosto, personale dell’U.P.G.S.P. – Squadra Volante ha arrestato il pregiudicato catanese P. M. G., classe ’75 per minaccia, resistenza e lesioni a P.U.
Nello specifico, gli operatori venivano inviati presso l’abitazione di una donna che attraverso la linea 112NUE aveva richiesto aiuto poiché minacciata di morte da parte del compagno.

Sul posto si prendevano contatti con la richiedente, visibilmente scossa e in lacrime, la quale riferiva che il marito è spesso nervoso e violento nei suoi confronti, non lavora, le chiede costantemente denaro ed è dedito ad abusare di alcool e droga.

Nello specifico, in serata si era alterato nuovamente con la donna e, dopo essere uscito di casa, si era presentato fuori dall’abitazione, sbattendo con violenza i pugni sulla porta di ingresso e minacciandola di morte nonostante fossero presenti anche i figli minori della coppia.

Inoltre, la donna riferiva di subire ormai da anni violenze da parte dell’uomo e di aver sporto denuncia nei suoi confronti nel 2011 per il reato di lesioni personali, tant’è che lo stesso era stato arrestato.

Il P. M. G. veniva trovato fuori dall’abitazione in evidente stato di alterazione e continuava ad insultare e minacciare la compagna; mentre, gli operatori cercavano di farlo calmare li spintonava e con non poche difficoltà veniva fatto salire sulla macchina di servizio, all’interno della quale proferiva frasi minacciose contro gli operatori.

Ancora, giunto presso gli Uffici della Questura si scagliava contro di essi con calci e pugni.

Dell’arresto veniva notiziato il P.M. di turno, che disponeva di trattenere il P. M. G. presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo fissato per la mattinata odierna. Nella medesima nottata la donna si recava presso gli Uffici della Questura per formalizzare la denuncia per il reato di minacce nei confronti del marito.

 

Nella serata di ieri, personale dell’U.P.G.S.P.- Squadra Volante ha arrestato il pregiudicato catanese CARUSO Salvatore, classe ’87 per spaccio di sostanza stupefacente ed evasione dagli arresti domiciliari.

Nello specifico, gli operatori, in transito nel quartiere “Librino”, ove esiste una fiorente attività di spaccio, notavano un pusher che cedeva ad un acquirente due involucri, prelevati da una tracolla, in cambio di denaro.

Pertanto, gli agenti intervenivano e riuscivano a bloccare entrambi gli individui, che invano tentavano di scappare; i due venivano sottoposti a perquisizione personale, che dava esito positivo, in quanto all’interno della tracolla dello spacciatore venivano rinvenute otto dosi di sostanza stupefacente di tipo marijuana e la somma di 80 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio, mentre addosso all’acquirente, sanzionato amministrativamente, venivano rinvenute due dosi di sostanza del medesimo tipo.

Entrambi i soggetti venivano accompagnati presso gli Uffici della Questura per ulteriori accertamenti, a seguito dei quali il CARUSO risultava avere precedenti specifici in materia di stupefacenti ed essere sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. La somma di denaro e le dieci dosi di sostanza stupefacente, del peso complessivo di 17 grammi venivano sequestrati.

Dell’accaduto veniva notiziato il P.M. di turno, che disponeva di associare l’arrestato presso la Casa Circondariale Piazza Lanza di Catania in attesa di convalida da parte del G.I.P.

 

 

 

Visto:

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here