Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

In occasione dei due incontri svoltisi rispettivamente lo scorso 08/08 a Palermo presso gli uffici del Dipartimento Regionale dell’Acque e dei Rifiuti ed il 17/08 presso i locali della Prefettura di Catania, iniziative sollecitate dalle rappresentanze di categoria degli agricoltori siciliani e dai sindaci dei Comuni di Scordia, Palagonia e Militello Val di Catania e tempestivamente accolta dal Commissario Straordinario dei Consorzi di Bonifica della Sicilia Orientale, Ing. Francesco Greco, al fine di confrontarsi sulla grave crisi idrica che in atto colpisce il comparto agricolo dei Comuni rappresentati, a causa delle ridotte disponibilità d’acqua della “Diga Don Sturzo”, erano stati assunti dei precisi impegni da parte dei rappresentanti dirigenziali e tecnici dei Consorzi di Bonifica 9 Catania, 7 Caltagirone e 10 Siracusa, aventi come obiettivo finale una serie di azioni tecniche mirate a ridurre, nel breve e medio termine, lo stato di sofferenza patito dalle colture praticate nei nostri territori.

Oggi, con soddisfazione, il Direttore dott. Giovanni Cosentini ha il piacere di comunicare che l’ordine del giorno sottoposto al tavolo della discussione, unitamente agli approfondimenti tecnici relativi alla operatività e fattibilità delle soluzioni proposte, ha avuto effetti propositivi al punto che si è passato con immediatezza dalla discussione ai fatti. Il Consorzio di Bonifica 10 di Siracusa afferma il Direttore , per quanto di propria competenza, che l’impegno assunto sulla esecuzione dei lavori di avviamento straordinario dell’impianto di sollevamento denominato “Interconnessione – Completamento” e sulla data prevista di ultimazione degli stessi, vincolata alla loro fattibilità tecnica-operativa, è stato mantenuto, sono stati completati i lavori che consentono di addurre, mediante un duplice sollevamento idraulico, una portata di 330lt/sec di acqua dall’invaso “Lentini alla Vasca Serravalle”, punto terminale del Sistema Don Sturzo. Ciò consentirà di riprendere la regolare irrigazione delle campagne colpite dalla grave crisi, evitando di compromettere i futuri raccolti. Va sottolineato il notevole impegno tecnico, ma soprattutto economico, che il Consorzio di Bonifica 10 SR ha messo in campo per addivenire ad una risoluzione delle richieste dei rappresentanti di categoria e dei sindaci dei paesi colpiti dalla crisi idrica, in un momento di grave difficoltà economica dell’Ente, coincidente con un una serie di fattori incontrollabili come gli eventi atmosferici, dimostrando, a chi non ne fosse ancora convinto, di essere in grado, con il proprio know-how complessivo fatto di risorse umane e tecniche, di affrontare al meglio le problematiche del settore e di gestire interventi risolutivi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here