Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

“Enormi discariche a cielo aperto, distese interminabili di rifiuti di ogni genere che ormai sono diventate autentiche montagnole, nonché cespugli ed erbacce che hanno trasformato strade e marciapiedi in veri e propri boschi, con seri rischi per la salute e l’incolumità pubblica, nonché il pericolo di contrarre malattie come la malaria. E’ questa l’attuale situazione di un’ampia zona di Borgo Nuovo, soprattutto nel tratto compreso tra via Comiso, piazzale Fausto Pirandello e piazzale Castronovo”. Lo denuncia Angelo Figuccia, presidente del Comitato per i diritti dei cittadini, che prosegue: “E’ sotto gli occhi di tutti come Palermo, soprattutto nelle ultime settimane, sia ormai una città dove i rifiuti la fanno da padrone. A rendere ancora più tragica la situazione del quartiere di Borgo Nuovo, è il completo fallimento della raccolta differenziata, partita senza neanche uno straccio di campagna d’informazione, tanto che i cittadini si sono ritrovati con tantissimi cassonetti per la raccolta dei rifiuti senza sapere come utilizzarli.

Il risultato, com’era facilmente immaginabile, è che adesso sulle strade giacciono tonnellate di rifiuti, che non vengono raccolti da parecchio tempo e che hanno provocato un’autentica invasione di ratti, insetti, scarafaggi, zanzare, con gravi rischi per la salute pubblica e il pericolo di malattie infettive. E’ indispensabile, quindi, un immediato intervento di Rap e Reset per ripristinare le condizioni di vivibilità della zona”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here