Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

 

Ancora controlli che il personale del Commissariato Borgo-Ognina e dell’Ufficio Polizia di Frontiera hanno effettuato all’interno del Porto di Catania per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

Questa volta è stato posto ad accertamenti un Chiosco bar che, a fronte di una concessione per l’occupazione di suolo pubblico pari a metri 128,54, ne occupava ben 300, con una quota di oltre 170 metri quadri di suolo pubblico occupata in modo del tutto abusivo. Per tale motivo il titolare, C.D, è stato indagato per il reato previsto dall’art. 633 c.p. (invasione di terreni pubblici) e gli è pura stato intimato l’immediato ripristino dei luoghi.

Il controllo, esteso anche all’interno del locale, ha consentito di rilevare ulteriori criticità quali il reato di frode in commercio, poiché sono stati rinvenuti, all’interno del pozzetto congelatore, 6 kili di succo di limone congelato senza che detto prodotto venisse contrassegnato come tale nell’apposito menù esposto al pubblico. Sono state rilevate, altresì, l’assenza di locali adibiti a spogliatoi per i dipendenti, spazi angusti in un’area retrostante il locale di vendita e, infine, è stato riscontrato anche un locale tecnico soppalcato e utilizzato come deposito in assenza dei requisiti per ciò necessari. Per tale motivo, al titolare sono stati contestati i relativi reati in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro.

Un ulteriore controllo è stato effettuato presso un altro bar e, anche in questo caso, sono state accertate significative criticità quali carenza di pulizia, assenza di locali spogliatoi per i dipendenti, assenza di estintori, carenza di manutenzione dei rivestimenti e della pavimentazione.

Infine, unitamente alla polizia locale, sono state controllate numerose persone e veicoli nei pressi del porto, lato via Dusmet e, nella circostanza, elevate anche violazioni al CDS.

 

 

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato Borgo-Ognina e del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, unitamente a personale della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, nell’ambito del piano di azione “Modello Trinacria”, ha effettuato numerosi controlli nei quartieri di Picanello e Barriera. Nella circostanza, sono stati altresì eseguiti controlli mirati alla prevenzione e repressione degli illeciti in materia fiscale e previdenziale.

A tal riguardo, è stato sanzionato il gestore di una pizzeria poiché intento a lavorare senza l’autorizzazione Scia di esercizio di vicinato.

A seguire, è stato controllato un panificio il cui titolare è stato sanzionato per la mancata emissione di scontrino fiscale e, inoltre, è stata accertata la presenza di un lavoratore senza regolare contratto di lavoro.

La Guardia di Finanza, ancora, ha eseguito accessi fiscali presso 5 attività commerciali, effettuato nr. 1 posto di controllo, elevati sanzioni al CDS e controllati 18 soggetti sottoposti a misure di prevenzione.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here