Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

 

Intorno alle 00:30 della notte appena trascorsa, un poliziotto del Commissariato Borgo Ognina, libero dal servizio, è intervenuto nel corso di una rapina a mano armata ai danni di una persona che si trovava in via Pietro Mascagni. In manette sono finiti i ghanesi Salouhou Moussa Hamadou e Beau Frances.

I rapinatori, armati di coltello, hanno affrontato la vittima, intimandogli di consegnare il telefonino e quant’altro di valore; l’uomo ha obbedito ma, al contempo, ha iniziato a urlare a gran voce, attirando l’attenzione del poliziotto che si trovava nei pressi.

L’agente è subito intervenuto, ponendosi all’inseguimento dei due, raggiungendo e bloccando il primo in viale Africa. Nel frattempo, l’altro rapinatore che si era dato alla fuga in direzione diversa, è tornato indietro, dirigendosi proprio in viale Africa, dove ha trovato ad aspettarlo  il poliziotto che aveva “impacchettato” l’altro malfattore.

All’arrivo della Volante giunta in appoggio al poliziotto, è iniziata una ricognizione dei luoghi che ha reso chiaro il motivo per il quale il secondo rapinatore, anziché far perdere le proprie tracce, era tornato in quel posto: ben nascosto, è stato, infatti, trovato uno zaino con all’interno un computer usato e vari oggetti elettronici impacchettati come nuovi e di sicura provenienza furtiva.

La vittima della rapina ha, intanto, riconosciuto i due malfattori in coloro i quali, il giorno precedente, l’avevano già depredato, sempre sotto la minaccia di un coltello, dei soldi, del telefono cellulare e di altri beni.

I due ghanesi sono stati tradotti in Questura dove accertamenti hanno fatto emergere che uno dei due è richiedente asilo politico, mentre l’altro, dimesso dal carcere pochi giorni addietro, risulta avere svariati precedenti di polizia tra cui anche il recente fermo, a opera della Squadra Mobile, perché indiziato di essere uno degli scafisti di un gommone che trasportava 182 migranti sul Territorio Nazionale.

I due malviventi, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati rinchiusi nel carcere Piazza Lanza, con divieto di incontro con altri detenuti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here