Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il comune di Siracusa, attraverso il suo gestore IGM Rifiuti Industriali e grazie ad un co-finanziamento del CDC RAEE nazionale, ha realizzato presso il centro comunale di raccolta di contrada Targia una struttura finalizzata al conferimento dei piccoli rifiuti elettrici ed elettronici (R4) e in particolare dedicato alla didattica rivolta agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado e all’informazione sulla raccolta e il trattamento dei rifiuti elettronici.

Il progetto si è classificato al quinto posto sui 20 finanziati ed è unico in Sicilia. Risponde all’esigenza di dare un’informazione puntuale su che cosa sono i RAEE, sulla gestione e il riciclo. L’idea base è di trasformare il centro comunale di raccolta in un luogo in cui conoscere tutte le tipologie di rifiuti e in un’occasione per il coinvolgimento della cittadinanza e delle associazioni in una vasta opera di sensibilizzazione e informazione.

Una conferma della forte carenza informativa sulla materia e dell’importanza di una capillare informazione è emersa in una ricerca Ipsos Italia per Ecodom e Cittadinanzattiva sui comportamenti degli italiani nella gestione dei Raee.

http://www.ecodom-consorzio.it/sites/default/files/iniziativa-blocco-brochure/ecodom_ipsos_cittadinanzattiva_indagine-new.pdf

 

Emerge che meno di un italiano su quattro riconosce correttamente i rifiuti elettrici ed elettronici. Più di due su cinque non li conoscono affatto come non conoscono la possibilità di conferimento offerta dalle nomermative.

 

Altro dato importante, riportato da Repubblica (http://www.repubblica.it/economia/affari-e finanza/2017/09/11/news/dal_rasoio_al_tostapane_il_tesoro_nei_rifiuti_cos_litalia_spreca_600mila_tonnellate-175245713/amp/)

 

Ogni anno ci sfugge una massa di scarti pari a tre volte quelli che si riescono a intercettare attraverso i consorzi ufficiali. Lasciamo sparire 600mila tonnellate di rame e alluminio, ferro e plastica. Senza parlare di terre rare, oro e platino.

 

È utile, dunque, spiegare i rischi e le opportunità dei rifiuti per creare una consapevolezza sull’importanza di una corretta raccolta separata per evitare abbandoni e conferimenti errati.

 

Si tratta non di iniziative una tantum ma di un processo continuo di informazione rivolto ai ragazzi che il comune di Siracusa conduce già dal 2014, prima con RAEE SCUOLA e poi con ECOSCUOLA, che è un progetto ormai annuale inserito nel POF.

 

La differenza sta nel fatto che, con il nuovo PUNTO RAEE, da oggi la formazione si potrà fare, oltre che nelle aule e nelle sale, nei centri comunali di raccolta diventando più stimolante e fruttuosa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here