Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Le politiche di welfare non hanno colore e sopratutto necessitano di soluzioni concrete e non parole di circostanza.

Tali sono quelle contenute nella dichiarazione dell’assessore Mangano che mostrandosi impavida, sfida il tempo è annuncia la costituzione dell’Osservatorio sulla Disabilita’, organismo per pochi eletti, costituito sapendo che il suo mandato è già finito”.

Così Giuseppe Messina commentando la dichiarazione resa l’esponente del governo Crocetta in merito alla costituzione di un organismo di programmazione in clima preelettorale.

“Costituire l’Osservatorio regionale per la disabilita’ a quattro settimane dal voto – sottolinea il sindacalista – è un tentativo davvero goffo e irrispettoso per i disabili e le loro famiglie che ancora attendono, quelle si, le risorse per garantire i livelli minimi e dignitosi di assistenza”.

“Uno scivolone preelettorale senza precedenti quello dell’assessorato regionale della famiglia – precisa Messina – che rivela oltre alla immancabile inadeguatezza amministrativa, caratteristica riconoscibile anche in larga parte dell’azione politica dei vari esecutivi regionali, la mancanza di tatto e sensibilità verso una categoria a rischio”.

“Un governo che aveva sacrificato la delega a Gianluca Miccichè – rilancia  Il responsabile dell’Ugl siciliana – per difendere le politiche della disabilita’ che scivola sulla buccia di banana non riuscendo a garantire quanto promesso in sede di approvazione del bilancio regionale dopo mesi e mesi di annunci, rimasti nel dimenticatoio; un fallimento, tra i tanti che fa più male perché perpetrato a danno di chi vive nella necessità e non per scelta”.

“Il peggiore dei modi per chiudere un’esperienza amministrativa – conclude – al nuovo presidente della Regione ed al nuovo assessore alla famiglia, chiederemo di cancellare un Osservatorio che è la replica del tavolo regionale del welfare, istituito correttamente ma fatto funzionale a singhiozzo, chissà perché”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here