Il Palazzo Podestarile.
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Giunta comunale ha approvato ieri il Bilancio consolidato 2016 del Gruppo Città di Venezia che ha sancito, per il terzo anno consecutivo, una diminuzione del debito complessivo a medio lungo termine rapportato alla percentuale riferibile al Comune di Venezia. “Dopo i 799.436.942 euro di debito del 2014, scesi l’anno successivo a 770.658.387 euro grazie all’impegno di questa Amministrazione comunale insediatasi a metà 2015, il 2016 si chiude a quota 760.174.587, con una diminuzione di 10.483.800 euro. Un risultato importante  – commenta l’assessore al Bilancio Michele Zuin – se si considera che nel corso del 2016 la Città di Venezia ha acquisito nel gruppo, tramite La Immobiliare Veneziana (Ive), il debito necessario alla chiusura in bonis del “Fondo immobiliare Città di Venezia”, generando quindi un aumento del debito di Ive di circa 14 milioni”.

Numeri in positivo che arrivano anche per quanto riguarda l’indebitamento a breve, sempre rapportato alla percentuale riferibile al Comune di Venezia, che segna, in questo caso, una diminuzione nel corso del 2016 di 3.225.732 euro, passando da 77.576.918 euro a 74.351.186.

Anche dal punto di vista del risultato economico all’interno del bilancio consolidato del Gruppo Città di Venezia, si evidenzia un importante lavoro di efficientamento con una chiusura in positivo di 6.281.236 euro a fronte di una perdita di 15.361.368 euro nel 2015. Migliora anche il risultato della gestione caratteristica (differenza tra proventi della gestione e costi operativi) che chiude con un saldo di 49.163.071 euro, con un miglioramento di oltre 13 milioni rispetto ai 36.005.899 euro del 2015. Risultati dovuti, principalmente, al miglioramento registrato nel 2016 rispetto al 2015 dei conti del Comune di Venezia, che ha visto il conto economico passare da una perdita di 22.828.677 euro nel 2015 ad un utile di 5.032.614 euro nel 2016.

“Prima di tutto – spiega l’assessore Zuin – voglio ringraziare gli uffici del Comune di Venezia che, con impegno e senza alcun aiuto esterno, sono riusciti a redigere anche quest’anno il Bilancio consolidato permettendo così un forte risparmio di risorse all’Amministrazione. I numeri che sono emersi ci confermano che siamo sulla giusta strada in termini di riduzione dell’indebitamento e di risultato economico. Fondamentale però, per comprendere l’esatto significato di queste cifre, spiegare che proprio a decorrere dal Consolidato 2016, si è inserito nel perimetro di consolidamento redatto con il metodo integrale anche le società Ames, Insula ed Ive, prima consolidate solo con il metodo del patrimonio netto. Questo ci ha permesso di avere la completa rappresentatività del Gruppo Città di Venezia che fino al 2015 interessava solo le società/gruppi Veritas, AVM, CMV, con cui il Comune intratteneva i maggiori rapporti, oltre a Venis e le Istituzioni.
È significativo sottolineare inoltre che – continua Zuin – nel Consolidato 2016 sono state riprese le risultanze del processo di sistemazione delle immobilizzazioni in corso e dei risconti passivi del bilancio del Comune”.

Ringraziando ancora tutti i dipendenti comunali che hanno lavorato per produrre il Bilancio Consolidato 2016, “annuncio che nel corso di tale anno, inoltre, – conclude Zuin – è iniziato lo sviluppo all’interno dell’ufficio di appositi applicativi che faciliteranno la redazione del documento nei prossimi anni ed amplieranno la gamma delle informazioni acquisite e rappresentate nel documento”.

Grafici debiti

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here