Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La serie di sopralluoghi negli edifici scolastici sul territorio comunale, avviata a settembre a Marghera, ha portato oggi gli assessori ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto, e alle Politiche educative, Paolo Romor, alla secondaria di primo grado Jacopo Sansovino, che ha sede a Palazzo Jagher, nel sestiere di Cannaregio a Venezia.

Ad accompagnarli, la dirigente all’Edilizia comunale e scolastica, Silvia Loreto, la responsabile del Servizio Edilizia scolastica Venezia centro storico e isole, Luciana Vita, e la vice-preside dell’Istituto comprensivo San Girolamo, Erica Bulgheroni.

“Si tratta di un plesso dalla rilevanza notevole – ha commentato l’assessore Zaccariotto – sia dal punto di vista monumentale, che storico. La decisione di mettere o di lasciare le scuole in edifici come questo è fatta in accordo con la Soprindentenza e richiede investimenti importanti per un’adeguata manutenzione. Sono sedi che non si prestano chiaramente a interventi moderni che la scuola di oggi richiederebbe, ma che danno un valore aggiunto impagabile per i bambini o i ragazzi che le frequentano, arricchendo il loro percorso educativo”.

Nel corso del 2017 la Sansovino è già stata oggetto di un intervento importante, con la realizzazione dell’impianto antincendio, in vista dell’ottenimento del Certificato prevenzione incendi. “Ora invece – ha spiegato ancora Zaccariotto – investendo una parte dei fondi del Patto per la Città, intendiamo effettuare un restauro che valorizzi gli interni, con un’attenzione particolare ai materiali lapidei, che sono decisamente provati”.

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento, che dovrebbe ammontare a 850mila euro, sarà pronto per dicembre, poi si passerà alla fase di progettazione definitiva e all’esecuzione.

“La scuola che abbiamo visitato oggi – ha aggiunto l’assessore Romor – si trova in uno splendido edificio, che però ci pone di fronte alle problematiche relative alla manutenzione. Di qui l’importanza di agire in sinergia tra Lavori pubblici e Politiche educative, come stiamo facendo, per individuare le soluzioni più idonee”

scuola

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here