Il sindaco Patrizio Cinque e l'assessore Romina Aiello
Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Verrà inaugurato a novembre (nei prossimi giorni si renderà nota la data) il MIST, il museo interattivo della Scienza e della Tecnica, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù con decreto n.5 del 20 febbraio 2014 “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici” che avrà sede a palazzo Butera.

Con deliberazione di Giunta municipale n. 23 del 9 marzo 2016 era stata approvata la proposta presentata dall’assessore alla Cultura Romina Aiello che sanciva l’affidamento dei locali posti al piano terra di villa Butera per la realizzazione del museo interattivo della scienza e della tecnica che avrà lo scopo di esporre e divulgare i temi legati appunto alla scienza e alla tecnica attraverso esperienze e laboratori rivolti in particolare a bambini e ragazzi.

Il MIST nasce dall’idea dalle due Associazioni Centro ricerche Geologiche e Planetarie e l’associazione Culturale MIST che hanno siglato una convenzione con il Comune di Bagheria.

Tra le finalità l’istituzione di uno spazio ludico atto ad avvicinare i giovani alla scienza tramite un approccio didattico chiamato hands-on: musei che si basano sull’esperienza diretta tra il bambino e ciò che vede, gli exhibit interattivi,agendo manualmente nel momento stesso della scoperta.

Quello di stimolare la conoscenza e la curiosità degli studenti tramite dei laboratori scientifici è proprio uno dei punti fondamentali cui si basa il MIST, che farà lavorare i giovani in gruppo e contemporaneamente distaccandoli, seppur momentaneamente, dalle tecnologie che li allontanano in modo preponderante dalla realtà.

Il museo è orientato prevalentemente alla fruizione da parte di studenti e docenti coinvolgendo le scuole in un approccio co-working e co-studying promuovendo dei laboratori con un calendario condiviso.

Il Comune insieme ai promotori si è già adoperato recentemente per stabilire un quadro generale sulla partecipazione attraverso un incontro con i docenti.

Le associazioni costituite in Ats gestiranno in totale autonomia e con proprio personale per i primi 24 mesi gli spazi che saranno assegnati, occupandosi anche della manutenzione ordinaria, forniranno anche una relazione semestrale relativa alla frequenza degli utenti, alle attività svolte e ai risultati raggiunti per la gestione del Museo.

«Favoriamo sempre progetti che coinvolgano i giovani ed in particolare teen ager che sono spesso propositivi e pieni di idee» – dice il sindaco Patrizio Cinque – «questo del MIST che prenderà vita a Bagheria ci sembra davvero una bella opportunità di crescita e collaborazione».

A seguire in tutti i passaggi la convenzione e a partecipare agli incontri l’assessore Aiello che plaude all’avvio del progetto: «qualunque progetto che metta insieme la valorizzazione del patrimonio e l’innovazione che tanto piace ai giovani troverà sempre l’attenzione dell’amministrazione».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here