Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continuano gli interventi di manutenzione dei ponti di Venezia, realizzati da Insula Spa per conto dell’Assessorato comunale ai Lavori pubblici: sono terminati in questi giorni sia il restauro del ponte della Madonna dell’Orto – che collega calle dei Mori con il campo Madonna dell’Orto – che la ricostruzione completa del ponte dello Stadio a Sant’Elena.

“Per noi è davvero importante realizzare interventi di qualità – ha commentato in merito l’assessore ai Lavori pubblici, Francesca Zaccariotto – perché è così che si riducono i costi di manutenzione nel tempo, dando al cittadino manufatti che rimangono in buone condizioni più a lungo. Quando possiamo restauriamo, come nel caso del ponte di Madonna dell’Orto, a volte invece agiamo in modo più sostanziale e il ponte di Sant’Elena versava in condizioni tali che è stato meglio procedere con il suo rifacimento completo. Così facendo abbiamo migliorato l’accesso allo Stadio Penzo, che richiama migliaia di spettatori”.

Il ponte nel sestiere di Cannaregio versava in uno stato di avanzato degrado: in particolar modo la pavimentazione in asfalto, più volte rappezzata in passato, rendeva insidioso il suo attraversamento. Il restauro, eseguito nell’ambito delle attività della gestione territoriale Venezia nord, ha previsto la realizzazione di una nuova pavimentazione, con la sostituzione dell’asfalto misto in cemento usato in precedenza con blocchi di trachite, la manutenzione dei parapetti e dell’arco, nonché il nuovo intonaco. Con l’occasione, sono stati infine riordinati i sottoservizi e aggiunti quattro corrugati per il passaggio della fibra e eventuali futuri cavi.

Il ponte in legno a San’Elena, invece, che è uno dei tre che porta allo Stadio Penzo, è stato totalmente rifatto, dato che per anni è stato oggetto di interventi di messa in sicurezza e ripristini temporanei, senza però arrivare ad una sistemazione duratura.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here