Condividi, fallo sapere ai tuoi amici ! 
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per il settimo anno consecutivo sabato 14 ottobre torna in Piazza Ferretto, a Mestre, la campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile “Io non rischio”.

Dalle ore 9.30 alle 18 i volontari di Protezione civile (gruppi comunali e associazioni), appositamente formati, saranno a disposizione della cittadinanza per illustrare il problema, distribuire materiale informativi, per spiegare come prevenire i danni delle alluvioni, maremoti e terremoti, affrontare meglio le situazioni di emergenza e contribuire a ridurre i rischi.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina con una conferenza stampa che si è svolta al Municipio di Mestre, alla quale sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore comunale alla Sicurezza urbana, Giorgio D’Este, l’assessore alla Protezione civile del Comune di Spinea, Gianpiero Chinellato, il responsabile comunale del Servizio gestione rischi del Centro storico e delle Isole, Marco Calligaro, la referente comunale del progetto, Valentina Sergi.

Promossa dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, con la collaborazione dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e della Rete dei laboratori di ingegneria sismica (Reluis), la campagna si svolgerà contemporaneamente in 103 capoluoghi di provincia con il coinvolgimento di 750 associazioni. Nel territorio veneziano l’iniziativa vedrà la collaborazione di cinque organizzazioni locali di Protezione civile e delle rispettive amministrazioni comunali: Mira, Mirano, Pianiga, Spinea e Venezia, che collaboreranno nell’allestimento dei gazebo e delle attività informative.

“Trovo sia lungimirante la scelta del Dipartimento di Protezione civile di invitare volontari e amministrazioni comunali a lavorare insieme – ha spiegato l’assessore D’Este. Sempre più la sinergia tra le forze in campo è fondamentale per condividere attività e valorizzare le singole specializzazioni, soprattutto in ottica metropolitana”. “E’ fondamentale sostenere il dialogo con la popolazione e promuovere questa occasione di comunicazione e prevenzione messa in campo dalla Protezione civile, informando i cittadini, soprattutto i più giovani. Insegnando ai ragazzi le buone pratiche, grazie anche agli incontri nelle scuole, si formano persone responsabili e attente e contemporaneamente si coinvolgono gli adulti”.

L’edizione 2017 di “Io non rischio” si arricchisce rispetto al passato di eventi legati alla conoscenza dei luoghi e dei rischi realmente presenti sul territorio, attraverso passeggiate urbane sulle tracce dei rischi, caccia al tesoro, eventi sportivi. In un’unica giornata di informazione e comunicazione, verrà quindi organizzato un evento trainante per diffondere buone pratiche di protezione civile e sensibilizzare i cittadini sul tema della prevenzione. Sabato, a Mestre, verrà proposta una caccia al tesoro a ripetizione con sei tappe, con partenza da piazza Ferretto e premio finale.

  • Scarica la locandina

  • Tappe caccia al tesoro

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here